Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Pochi giorni a disposizione per vedere The Irishman di Scorsese al cinema

Un film da Oscar finito in un impasse per la distribuzione: la causa è l'accordo con Netflix

di Giacomo Zito

ROMA - A causa di un’impasse sulla durata dell’esclusiva per la proiezione nei cinema e uno dei film più promettenti del 2019 non durerà per molto tempo nelle sale cinematografiche. «È una disgrazia» è il commento lapidario di John Fithian, presidente della National Association of Theater Owners, un gruppo che rappresenta grandi catene come Amc e Cineplex. Non usa mezzi termini Fithian per commentare quanto accaduto per l’uscita dell’ultimo film di Martin Scorsese, The Irishman.

IL FILM - La pellicola, con Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci, per Netflix è uno dei film più promettenti della stagione e in una probabile posizione di rilievo per gli Oscar. 

LA DISTRIBUZIONE - «È una gran delusione che Netflix e i proprietari di cinema non siano arrivati a un accordo per fare uscire il film di Scorsese in molte sale», ha detto Fithian. Prima di questo, l'ultimo film di Netflix a uscire al cinema prima che in streaming era stato «Roma» di Alfonso Cuarón che, nel 2017, era stato proiettato solo in 250 sale americane. Il problema è stato un mancato accordo tra Netflix ed esercenti su una clausola chiave della presenza esclusiva del film nelle sale prima della distribuzione agli abbonati in streaming.

L’IMPASSE - I proprietari delle catene cinematografiche chiedevano 72 giorni, scesi poi a 60. Netflix non ne voleva più di 45. La trattativa, arenatasi, ha prodotto come risultato che The Irishman sarà esclusiva dei cinema per soli 26 giorni prima dell'inizio della distribuzione in streaming il 27 novembre.

IN ITALIA - In Italia il film sarà disponibile per tre giorni, dal 4 al 6 novembre, in lingua originale in pochi cinema. Poi, dal 27 di novembre, sarà disponibile in streaming sulla piattaforma Netflix.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati