Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Pontecorvo, esplode ordigno bellico. Castronovo (Pres. ANVCG): «Pericolo giornaliero»

Pontecorvo, esplode ordigno bellico. Castronovo (Pres. ANVCG): «Pericolo giornaliero»

Grande paura ma, per fortuna, nessun ferito dopo l’accaduto

ROMA - Grande paura a Pontecorvo (in provincia di Frosinone), dove ieri sera è esploso un ordigno bellico; un boato agghiacciante che ha impaurito tutta la popolazione. La bomba, probabilmente sepolta nel terreno da tempo, sarebbe stata innescata dal fuoco che stava bruciando alcune sterpaglie in un campo. Grande paura ma, per fortuna, nessun ferito dopo l’accaduto.

«Un fatto gravissimo, come molti altri ce ne sono purtroppo ancora in tutta Italia» ha commentato l’Avv. Giuseppe Castronovo (Presidente Nazionale dell’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra), vittima di un ordigno bellico inesploso che nel 1944 lo ha reso non vedente.

«A distanza di tanti anni dalla fine della guerra, gli ordigni bellici possano avere ancora un potenziale di pericolosità per tutti e ne abbiamo avuto un altro esempio. Ogni giorno vengono ritrovati residuati bellici che mettono in pericolo l’incolumità di tutti noi. Occuparsi di questo problema e prodigarsi affinché il territorio venga bonificato da questi ordigni e la popolazione informata sui rischi ed i pericoli che comportano – ha precisato Castronovo – fa naturalmente parte della mission dell'ANVCG: ecco perché abbiamo creato al nostro interno uno specifico Dipartimento ordigni bellici inesplosi impegnato a condurre ricerche, studi e iniziative sul tema, in Italia e nel mondo, dove sono in atto ancora tanti, troppi conflitti bellici».

«Quanto successo a Pontecorvo è un accadimento che ci deve far riflettere sulla pericolosità degli ordigni bellici inesplosi» ha sottolineato Antonio Bisegna (Presidente della Sezione di Roma e Presidente Regionale per il Lazio ANVCG). «La nostra associazione da tempo si sta adoperando per far conoscere questi rischi alla popolazione, perché un fenomeno pericoloso come questo non può e non deve essere sottovalutato. A distanza di anni, una bomba può fare ancora tanto male».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati