Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Moda

Postalmarket punta su donne under 30 per gestire l'e-commerce

Postalmarket punta su donne under 30 per gestire l'e-commerce

Intanto nella sede operativa di Villorba (TV) si sta già lavorando alla seconda edizione cartacea del catalogo. Uscita prevista a primavera 2022

di Maria Chiara Fantauzzi

ROMA - Postalmarket festeggia il Natale 2021 con altre nuove assunzioni. Grazie agli ottimi risultati dei primi mesi di attività, lo storico marchio ha completato l’assunzione di altre 10 persone, tutte under 30 e per il 90% donne, dedicate alla gestione del catalogo online postalmarket.it. Un grande risultato dopo l’avvio del sito e la diffusione della prima edizione dello storico catalogo cartaceo, avvenuta a fine ottobre. L’impennata delle vendite è avvenuta grazie al volano del Black Friday di fine novembre, dove in pochi giorni migliaia di utenti hanno scaricato l’app per gli acquisti on line.

IL TREND POSITIVO - “Il trend è estremamente positivo – spiega il direttore generale di Postalmarket, Alessio Badia – il portale on line viaggia attorno ai 20 mila accessi al giorno e le vendite continuano a crescere in maniera esponenziale. Nell’arco delle ultime settimane abbiamo assunto nuove risorse tutte giovani e specializzate nella gestione delle vendite online. Un bel regalo di Natale per la famiglia Postalmarket. Con questo trend di crescita nel 2022 puntiamo a continuare con le assunzioni. L’obiettivo è quello di arrivare almeno a 50 addetti nell’arco del 2022”. I lavoratori sono tutti impiegati nella sede operativa di Villorba (TV).

LE NOVITA' DI QUEST'ANNO - Nel 2022 ci saranno altre grandi novità. La seconda edizione del magazine cartaceo uscirà in primavera. E ci sarà un contributo di nuovi importanti professionisti del mondo fashion e una nuova copertina ancora “top secret”. “Daremo spazio ai migliori brand del Made in Italy – aggiunge Alessio Badia – il taglio sarà quello di un magazine che racconta le eccellenze in ciascuna categoria, non solo il mondo fashion, ma anche negli altri settori, ad esempio quello del food & beverage. Molta attenzione sarà data ai brand emergenti, al tema della sostenibilità e alle aziende che hanno investito in questa direzione”.

IL CATALOGO - Già centinaia di aziende italiane hanno deciso di far parte del catalogo, entrando nel mondo Postalmarket. A colpire è la modalità di gestione diretta della propria immagine e dei propri prodotti presenti su catalogo e portale. I brand non sono solo fornitori di prodotti, ma sono a tutti gli effetti dei partner con i quali di volta in volta vengono studiate le strategie di comunicazione e marketing, con l’obiettivo di valorizzare appieno la loro immagine, i loro prodotti e offrire ai consumatori un servizio esclusivo e di qualità.

IL PROSSIMO CATALOGO - Il successo di Postalmarket dunque continua, con la prima edizione del nuovo catalogo distribuita in migliaia di edicole italiane a fine ottobre ormai arrivata ad esaurimento. Lo storico catalogo è rinato a nuova vita grazie a quella che è stata forse l’operazione commerciale più importante del 2021 sul panorama italiano. Le copie rimaste nelle edicole sono pochissime, in molti punti vendita il catalogo è già andato sold out. E si pensa già al secondo numero. La prima copertina della nuova edizione cartacea ha visto la presenza della conduttrice televisiva Diletta Leotta.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo