Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Editoriali

Premier League, favola Leicester City: quando a vincere sono gli outsider

Premier League, favola Leicester City: quando a vincere sono gli outsider

I ragazzi di Ranieri stanno dando vita ad un campionato fantastico: si potrà ripetere il miracolo calcistico già visto in passato?

di Matteo Spinelli

LEICESTER (INGHILTERRA) – Il calcio inglese, da sempre, regala emozioni dentro e fuori dal campo. Partite decise nei minuti finali, gol che fanno strabuzzare gli occhi e altre storie incredibili che infiammano il campionato dei padri di questo sport. Negli annali della Premier League potrebbe finire il Leicester City di Claudio Ranieri. L’allenatore romano, tornato in Inghilterra a 11 anni di distanza dalla sua esperienza alla guida del Chelsea (2000-2004), sta conducendo i suoi lungo un percorso che potrebbe portare ad una storica vittoria. I Foxes, a 12 giornate dal termine, si trovano con un vantaggio di due punti su Tottenham e Arsenal, che occupano il secondo posto; situazione impensabile per una squadra tornata in Premier League soltanto due stagioni fa e che l’anno scorso aveva chiuso con un anonimo 14° posto finale. In Inghilterra, però, non sarebbe la prima volta che un outsider sale alla ribalta. E’ già successo in diverse occasioni e, fra le più celebri, si ricordano le vittorie in campionato di Derby County (1971/1972), Nottingham Forest (1977/1978), Leeds (1991/1992) e Blackburn (1994/1995).

NELLA STORIA – Il primo caso di outsider a vincere il campionato (allora ancora denominato First Division) è sicuramente quello che riguarda il Derby County. Guidati dal leggendario Brian Clough, i Rams salgono dalla seconda serie inglese nella stagione 1968/1969 e, dopo un 4° e un 9° posto, conquistano il loro primo titolo nazionale; i bianconeri battono sul filo di lana il Leeds United, squadra considerata acerrima rivale. Dopo una fugace esperienza alla guida proprio di quest’ultima squadra (1974), Clough, nel 1975, approda al Nottingham Forest. Qui, dopo due stagioni, ottiene la promozione in First Division e, al primo anno nella massima serie, porta i rossi al successo; da qui nascerà anche la squadra capace di conquistare la Coppa dei Campioni per due edizioni consecutive (1978/1979-1979/1980). Dopo anni di dominio diviso tra Everton, Liverpool e Arsenal, nella stagione 1991/1992 la First Division va in pensione per lasciare posto alla neonata Premier League. Prima di congedarsi, però, fa scrivere un’altra pagina emozionante. Il Leeds, tornato nella massima divisione soltanto l’anno prima, riesce a conquistare il suo 3° titolo, sotto la guida di Howard Wilkinson. Nella stagione 1994/1995, infine, è il turno del Blackburn. Kenny Dalglish, dopo aver lasciato il Liverpool, prende le redini della squadra che milita in seconda divisione, portandola subito in Premier League. Qui, dopo un 4° e un 2° posto, arriva la vittoria in campionato, che riporta i Rovers al successo dopo 82 anni senza trofei.

FUTURO, CHE FARE? – In caso di vittoria finale, però, il Leicester si troverebbe davanti ad una scelta. Molti calciatori – fra i quali Vardy, Okazaki, Mahrez e Albrighton, solo per citarne alcuni – potrebbero infatti finire nel mirino di grandi club europei, intenzionati ad accaparrarseli dopo il gran campionato disputato con i Foxes. A quel punto la dirigenza dovrà decidere se continuare a puntare su di loro e, magari, imporsi con costanza tra le big d’Inghilterra, oppure cederli per fare cassa. 

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati