Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Premio Zavattini: proiezione online di "Mirabilia Urbis", film vincitore della II edizione

Premio Zavattini: proiezione online di "Mirabilia Urbis", film vincitore della II edizione

Dopo la presentazione della quinta edizione, il Premio Zavattini lancia una serie di iniziative online per far conoscere le opere vincitrici degli anni passati

di Claudio Carassiti

ROMA - Mercoledì prossimo, 24 giugno, alle 18, ci sarà la presentazione e trasmissione in diretta del corto vincitore della II edizione del Premio Zavattini: "Mirabilia Urbis". L'autore, Milo Adami, ne parlerà in un incontro con Antonio Medici e Aurora Palandrani in occasione della messa on line del film. A seguito della presentazione ufficiale della sua quinta edizione, la proiezione del film è solo una delle iniziative che gli orgnizzatori del Premio Zavattini hanno deciso di promuovere per far conoscere le opere vincitrici del premio. La proiezione avverrà sulla pagina Facebook ufficiale del Premio Zavattini.

MIRABILIA URBIS - Mirabilia Urbis è l’immaginario viaggio a ritroso tra le fotografie, gli appunti, le lettere, i ricordi, i pensieri e gli articoli scritti da Antonio Cederna (1921-1996) sul disastroso sviluppo urbanistico della città di Roma. Come rileggendo gli appunti di un taccuino privato, la voce dell’attore Giuseppe Cederna, figlio di Antonio, torna sulle memorie e le pagine scritte dal padre, guidato dai suoni e dai filmati d’archivio, nonché dalle recenti immagini dei mega insediamenti urbani e commerciali costruiti a Roma nell’ultimo decennio. In Mirabilia Urbis il tempo è come sospeso in un passato che torna presente, e in un presente che sembra passato, con la viva speranza che, nelle parole di Cederna, si possa ritrovare uno spirito comunitario oggi sopito dalla rabbia e dal risentimento.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati