Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Presunti respingimenti dei richiedenti asilo al confine tra Grecia e Turchia

Presunti respingimenti dei richiedenti asilo al confine tra Grecia e Turchia

Le autorità greche e dell'UE devono indagare su segnalazioni ricorrenti di respingimenti violenti al confine con la Turchia

di Federico Marconi

BRUXELLES - Lunedì, gli eurodeputati della commissione per le libertà civili hanno chiesto al governo greco di chiarire la loro posizione in merito a numerosi rapporti dei media e della società civile che indicano che la polizia e le guardie di frontiera del paese impediscono sistematicamente ai migranti di entrare in Grecia, usando la violenza e persino sparando contro di loro, entrambi a i confini terrestri e marittimi.

LA GRECIA - I ministri greci per la protezione dei cittadini, Michalis Chrisochoidis, e per Migration and Asylum, Notis Mitarachi, hanno respinto le accuse, descrivendole come "notizie false", e hanno sottolineato il ruolo chiave che la Grecia svolge nel "mantenere sicure le frontiere dell'UE, rispettando sempre i diritti fondamentali" . Hanno anche avvertito che una ripetizione degli eventi avvenuti a marzo, quando il presidente Erdoğan ha annunciato che stava aprendo i confini turchi, non può essere esclusa.

IL RISPETTO DELLE REGOLE - La maggioranza dei deputati ha chiesto alla Commissione europea di assicurarsi che le autorità greche rispettino la legislazione dell'UE in materia di asilo, esortandola a condannare l'uso della violenza e imporre sanzioni se le violazioni sono confermate. Il commissario Ylva Johansson ha convenuto che le accuse di violenza contro i richiedenti asilo devono essere indagate, non solo in Grecia, ma in tutta l'UE. "Non possiamo proteggere i nostri confini violando i diritti delle persone", ha affermato.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati