Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Puglia,trovato un cucciolo di foca monaca nato in Italia

Puglia,trovato un cucciolo di foca monaca nato in Italia

Mancava da oltre mezzo secolo. Nonostante non sia la prima volta, quest’anno si ha maggiore concretezza

di Silvia de Mari

ROMA - Sono 50 anni che la foca monaca non si riproduce più in Italia. Cinquant’anni in cui la si è continuata a vedere, sporadicamente, ma senza alcuni tipo di speranza concreta- Quest’anno, invece, potrebbe essere l’anno della svolta. Due segnalazioni danno più sicurezza sul fatto che tra qualche anno la foca monaca potrebbe tornare a vivere in Italia.

LA FOCA MONACA - La foca monaca era stata cacciata per anni per la sua pelle pregiata. Negli Anni ‘60 è praticamente scomparsa su tutto il territorio e le acque italiane, nonostante fosse un animale diffuso in tutto il Mediterraneo. Al momento sono calcolati solo 700 individui, sopravvissuti tra Grecia, Turchia, Madera e Mauritania. A gennaio, invece, la buona notizia: un cucciolo di foca monaca è stato avvistato in Puglia. Anche se molto debilitato e morto poco dopo l’arrivo dei soccorsi, la presenza del piccolo, probabilmente nato sulle coste italiane, rappresenterebbe il ritorno inaspettato delle foche monache in Italia.

LO STUDIO - Grazie a uno studio sul gene condotto da un gruppo di ricercatori italiani coordinato da Vincenzo Caputo Barucchi dell’Università politecnica delle Marche e pubblicato su Diversity, si è quindi scoperto che proveniva dalle colonie presenti a Cefalonia e Zante. “Si trattava di una femmina di peso 22,5 kg, per una lunghezza di 118 cm che ci fa stimare un’età tra i 2 e i 4 mesi e considerando che era molto emaciata e che l’allattamento dura fino ai 5 mesi – e solo al termine dello svezzamento l’animale si allontana da solo – è altamente probabile che la sua casa fosse vicino al luogo del ritrovamento”, quindi, secondo i ricercatori, in un’area non distante e comunque in territorio italiano. 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati