Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Quasi la metà dei consumatori nel mondo teme una violazione dei dati sensibili

Quasi la metà dei consumatori nel mondo teme una violazione dei dati sensibili

Il 55% dei consumatori è inoltre convinto che le aziende non facciano abbastanza per tutelare i loro dati online

di Stefania Abbondanza

 

PHILADELPHIA - Quasi la metà (48%) dei consumatori nel mondo teme di essere esposta a una potenziale violazione dei dati sensibili, mentre il 30% ne è già stata vittima. Secondo la nuova ricerca di OpSec Security nel 2020 si è registrato un aumento del 7% delle violazioni di questo tipo rispetto al 2019. L’annuale Consumer Barometer Report di OpSec, che ha coinvolto 2.600 intervistati, ha rilevato inoltre che il 46% delle vittime di violazioni dei dati sensibili (data breach) è stato contattato dai Brand da due a cinque volte in merito alla compromissione dei propri dati, mentre il 9% è stato contattato più di cinque volte. Questa situazione ha portato oltre la metà (55%) dei consumatori a convincersi che le aziende non stiano facendo abbastanza per proteggere i loro dati personali.

BILL - Bill Birnie, Senior Vice President e General Manager della divisione Online di OpSec Security, ha commentato: "Molti consumatori assistono con impotenza alla frequenza con cui si verificano violazioni relative ai dati sensibili. La nostra ricerca rivela infatti che il 30% di coloro che sono stati vittime di data breach quando ne è venuto a conoscenza non ne è rimasto sorpreso. Tuttavia, questa rassegnazione è spesso accompagnata dall'aspettativa, da parte dei clienti, che i Brand dispongano degli strumenti necessari per salvaguardare i dati personali e delle carte di credito dei propri clienti. Inoltre, per far fronte ad eventuali perdite economiche derivanti da un data breach, i consumatori si aspettano un rimborso da parte del Brand. Nonostante ciò, le violazioni dei dati sensibili su larga scala continuano a danneggiare i Brand, poiché il 64% delle vittime ha perso la fiducia nell'azienda o nel marchio, ritenendoli responsabili di non aver protetto adeguatamente i loro dati.”

IL COMMENTO - “A seguito dell'impatto del COVID-19 molti consumatori conducono ormai gran parte della loro vita online, i Brand devono essere più proattivi che mai in materia di sicurezza informatica e di protezione dei consumatori, con soluzioni che siano in grado di minimizzare questi rischi. Non farlo può essere estremamente costoso, non solo in termini di conformità in merito alle normative sulla gestione dei dati, ma anche di perdita dei clienti. Il 28% dei consumatori che ha perso la fiducia in un Brand a causa di un data breach, dichiara che non effettuerà più acquisti da quel marchio".

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Vaccino anti-Covid: ti immunizzerai quando il vaccino sarà disponibile per tutti?

Risultati