Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

Rampiclub Val Vibrata: la ripresa della stagione

Rampiclub Val Vibrata: la ripresa della stagione

Fa rima con benedizione al Santuario di San Gabriele

di Silvia de Mari

CORROPOLI - Il Rampiclub Val Vibrata è tornato in sella dopo il blocco forzato delle attività sportive imposto dalle autorità governative per l’emergenza Coronavirus. Il dopo lockdown è stato archiviato di recente con un ciclopellegrinaggio da Corropoli a Isola del Gran Sasso presso il Santuario di San Gabriele dell’Addolorata.

L’OCCASIONE - Un'importante occasione di coinvolgimento di tutti gli atleti in organico che hanno ritrovato la voglia di pedalare assieme e di condividere una passione comune, coprendo un tragitto andata e ritorno tra la Val Vibrata e il Santuario per complessivi 160 chilometri.

IL COMMENTO - «È una tradizione – spiega Luigi D’Ambrosio, presidente e atleta del team vibratiano – che ci accompagna da più di 20 anni e che puntualmente richiama i nostri atleti del settore strada e anche quello della mountain bike. Abbiamo avuto la disponibilità e l’accoglienza di Don Enzo che non solo ci ha impartito la benedizione ma ci ha fatto personalmente i complimenti perché siamo stati in assoluto il primo gruppo ciclistico a far visita al Santuario dopo il periodo di lockdown. E dopo un ristoro a base di panino con la porchetta, siamo rientrati a Corropoli con l’auspicio che questo ciclopellegrinaggio possa dare quella spinta in più a noi ciclisti per ricominciare a pedalare e a gareggiare fin dove si può, ma siamo stati contenti di aver archiviato una bella giornata di sport, passione e spiritualità».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati