Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

Realistica fin nei minimi dettagli: come è nata la versione virtuale della BMW M4 GT4

Realistica fin nei minimi dettagli: come è nata la versione virtuale della BMW M4 GT4

«Una simulazione tanto realistica come questa avvantaggia anche il produttore, perché molte più persone possono testare le auto»

di Federico Marconi

MONACO - Dopo circa sei mesi di intenso lavoro di sviluppo, la BMW M4 GT4 farà il suo debutto virtuale sulla piattaforma di corse sim iRacing a giugno. Per essere sicuri che la vettura da corsa per clienti BMW M sia il più realistica possibile, gli sviluppatori iRacing lavorano intensamente con gli ingegneri BMW Motorsport come se stessero lavorando su una vera auto da corsa. La massima trasparenza è la chiave per un risultato ottimale. Spieghiamo il viaggio della BMW M4 GT4, dalla firma del contratto di licenza alla preparazione alla gara.

IL DEBUTTO - Mancano pochi giorni. La BMW M4 GT4 sarà la prossima delle attuali auto da corsa BMW dopo la BMW M8 GTE a fare il suo debutto in simulatore sulla piattaforma iRacing. Quando gli utenti parteciperanno alle prime gare di giugno, gli sviluppatori iRacing e gli ingegneri BMW Motorsport avranno alle spalle una fase di intensa collaborazione. "Non vedo l'ora che inizi", ha dichiarato Kevin Bobbitt, direttore del marketing di iRacing, sottolineando che "L'apertura con cui BMW Motorsport ci ha incontrato in questo progetto è fantastica. I canali di comunicazione erano molto brevi e, grazie al loro coinvolgimento, si capisce che questo progetto è davvero importante per loro”.

LE CORSE VIRTUALI - Da qualche tempo, le gare sim sono uno dei pilastri del portafoglio BMW Motorsport. I responsabili avevano identificato il potenziale delle corse virtuali prima che ci fosse un boom durante l'attuale interruzione delle corse nel mondo reale. «BMW Motorsport conosce la differenza tra un gioco di corse standard e una vera simulazione di corse e lo apprezza», ha dichiarato Bobbitt. «Una simulazione tanto realistica come questa avvantaggia anche il produttore, perché molte più persone possono testare le auto e nel migliore dei casi potrebbero addirittura arrivare ad acquistarne una». Come responsabile dello sviluppo dei veicoli, Rudolf Dittrich è anche responsabile del settore delle corse sim per BMW Motorsport. Conferma la forte attenzione del cliente alla base del progetto BMW M4 GT4. «Vogliamo offrire ai nostri team clienti l'opportunità di provare virtualmente la BMW M4 GT4», ha detto, spiegando i vantaggi, «possono caricare e utilizzare le loro livree con i loro sponsor. I loro piloti possono anche esercitarsi da soli nella pausa attuale. E i potenziali nuovi clienti potrebbero persino prenderci gusto e pensare alle corse con una BMW M4 GT4 nella vita reale».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati