Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Regionali, sondaggio: per Affaritaliani destra in vantaggio quasi ovunque

Regionali, sondaggio: per Affaritaliani destra in vantaggio quasi ovunque

In Veneto, Liguria, Marche e Puglia per il centrosinistra non ci sarebbe partita. Pd in vantaggio in Toscana e Campania

di Giacomo Zito

ROMA - Queste elezioni regionali potrebbero significare una vittoria schiacciante per il centrodestra. Lo preannuncia un nuovo sondaggio di Affaritaliani, secondo cui alle elezioni ben 4 regioni sulle 6 che rinnovano il consiglio potrebbero andare al centrodestra, con la possibilità che Pd, con o senza M5s, riesca a ottenere la maggioranza solo in Campania e in Toscana. Già in vantaggio in Veneto, Liguria, Marche e Puglia, una tra Susanna Ceccardi e Stefano Caldoro, potrebbe però riuscire nell’impresa di strappare la Toscana o la Campania al Pd. 

LIGURIA - In Liguria la partita sembra già essere chiusa, dato che il candidato Pd-M5s Ferruccio Sanza è stimato solo al 39-43% mentre il presidente uscente Giovanni Toti dovrebbe essere riconfermato con il 51-55% delle preferenze. 

VENETO - Per il Veneto, secondo Affaritaliani, non ci sarebbe proprio storia: Luca Zaia, attuale presidente della Lega, sarebbe dato vincitore con una percentuale che si aggira intorno al 76% dei voti. 

MARCHE - Sondaggi a favore del centrodestra a trazione Lega anche nelle Marche, dove il candidato di Fdi, Francesco Acquaroli, potrebbe raggiungere il 43,5-47,5%, mentre il candidato del centrosinistra, Maurizio Mangialardi, si dovrebbe attestare al 36-40%. In questo caso potrebbe cambiare l’esito se Gian Mario Mercorelli del M5S, segnato intorno al 12,5-16,5, decidesse di allearsi con il candidato del Pd.

PUGLIA - La stessa situazione potrebbe accadere anche in Puglia, dove è previsto un passaggio di consegne dal presidente uscente Michele Emiliano, a cui viene attribuito un potenziale 37,5%, all’europarlamentare di Fdi, Raffaele Fitto, accreditato del 43,5%. 

CAMPANIA E TOSCANA - Vantaggio per il Partito Democratico, invece, in Campania e Toscana. Vincenzo de Luca è dato in vantaggio tra il 42,5 e il 46,5%, contro il 37-41% del suo concorrente principale, Stefano Caldoro. Meno aperta, invece, la sfida in Toscana: alla leghista Susanna Ceccardi è data la missione di cercare di recuperare sul candidato dem Eugenio Giani un vantaggio stimato tra i tre e i dieci punti percentuale.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati