Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Renzi: «Avversario Pd sarà incompetenza M5S»

Renzi: «Avversario Pd sarà incompetenza M5S»

Matteo Renzi all'Assemblea nazionale degli amministratori locali del Pd

di Fabio Mancuso

MILANO - Matteo Renzi, intervenendo all'Assemblea nazionale degli amministratori locali del Pd, ha detto: «A me di Spelacchio non interessa granché. Il punto non è se Spelacchio è bello o brutto perché 'ogni Spelacchio è bello a mamma sua...'. Il punto è che se costa il doppio di altri alberi è un problema di incompetenza. Il punto è se funziona un'amministrazione. L'incompetenza è il nostro avversario alle prossime elezioni».

LA RICERCA DEL BUON GOVERNO - «Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci. Che non mettono 5 milioni in più a penna. Nelle nostre città i revisori dei conti non si dimettono. Non possiamo stare sulla difensiva, a farci dire che sprechiamo i soldi. Bisogna avere la forza e la consapevolezza che il buon governo è possibile, partendo proprio dal governo locale».

I SONDAGGI - «Attenzione - continua -, i sondaggisti parlano senza aver letto la legge elettorale. La sfida per il primo posto non è tra Salvini e Berlusconi ma è tra noi e i Cinque Stelle, e lo dico ai moderati che hanno paura del M5s. In questa campagna elettorale noi saremo il partito del lavoro, lavoro, lavoro. E non dei sussidi. La proposta del reddito di cittadinanza penso che non sia giusta. Perché non è giusto che un Paese possa vivere di sussidi e non facendo nulla si ricevano 1.600 euro. Il tema della distruzione dell’idea del lavoro, nella logica della decrescita felice, è pericolosissima. E non è neanche un'idea nuova».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Roma, giunta Raggi: avete fiducia?

Risultati