Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Turismo

Ri-generazione Preidlhof e la transformational experience

Ri-generazione Preidlhof e la transformational experience

Mettere il cliente stesso al centro dell’esperienza al Preildhof

di Valerio Cruciani

BOLZANO - Perché cambiare ciò che è già quasi perfetto? Da oltre 50 anni il Preidlhof Luxury DolceVita Resort rappresenta un punto di riferimento per l’ospitalità in Alto Adige, eppure con il 2020 la famiglia Ladurner, titolari dell’hotel dal 1996, ha deciso di affrontare un rinnovo importante: non è strutturale (l’edificio principale è stato ricostruito completamente solo nel 2017) ma di concetto, non di gestione ma di approccio al cliente. L’obiettivo è quello di migliorare ulteriormente nel panorama ormai affollato dell’offerta alberghiera altoatesina e di presentare una nuova versione del Preidlhof, ancora più vicino all’ospite (italiano e straniero), che cerca una vacanza rigenerante per il corpo ma soprattutto per la mente.

LE RICERHE - Dopo accurati studi e ricerche, Klaus Ladurner, proprietario dell’hotel 5 stelle, ha compreso che l’unico modo per alzare ancora di più il livello di soddisfazione del cliente è quello di mettere il cliente stesso al centro dell’esperienza al Preildhof. «La vacanza non è più intesa soltanto come momento di fuga, - spiega Ladurner - deve essere l’occasione imperdibile per scoprire se stessi e imprimere nella memoria emozioni indimenticabili. Vorrei che il Preidlhof non fosse soltanto un posto qualsiasi in Alto Adige in cui trascorrere delle belle giornate, ma il luogo che ha segnato per i miei ospiti un momento importante della loro vita, perché lo stare bene fra queste mura non è soltanto il benessere di un massaggio, ma anche il benessere profondo ritrovato».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati