Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Ritrovato il bambino rapito dalla madre foreign fighter dell'ISIS

La storia ha un lieto fine, il bambino è sano e salvo

di Stefania Abbondanza

ROMA - Sono finite le ricerche del piccolo Alvin Berisha, il bambino sequestrato in Italia nel 2014 dalla madre, Valbona Berisha, divenuta foreign fighter dell'ISIS. Il ritrovamento è avvenuto nel campo profughi di Al Hol, controllato dai curdi, dove vivono circa 70.000 persone, in maggioranza parenti di combattenti di Daesh finiti in carcere. «Io riconosco un difetto dell'orecchio sinistro che è il medesimo che aveva mio figlio» afferma il padre, Afrim Berisha, che in questi anni non si è mai arreso alla scomparsa del figlio.

LE RICERCHE - Il lieto fine è giunto grazie all'operato dei collaboratori dell'Onu presenti nel campo di Al Hol che sono riusciti a mettersi in contatto con il padre tramite la Croce Rossa. A dare un aiuto decisivo anche il Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia (Scip) del ministero dell’Interno, che è il punto di contatto italiano per la cooperazione internazionale di polizia. Nella mattinata del 7 novembre, il bimbo è stato accompagnato in Libano da Francesco Rocca, Presidente della Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. "Vorrei ringraziare - commenta Rocca - tutti coloro che sono stati coinvolti per garantire il sicuro ritorno di Alvin dal campo di al-Hol alla sua famiglia in Italia. In particolare, voglio ringraziare la Mezzaluna Rossa siriana e il suo Presidente, Khaled Hboubati, per gli enormi sforzi che sono stati fatti per facilitare questo rimpatrio e per l'enorme dedizione che ha dimostrato e continua a mostrare nella sua risposta alla crisi umanitaria in corso in Siria".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati