Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Roma, Ognibene: «Bisogna difendere gli urtisti, categoria storica di lavoratori»

Roma, Ognibene: «Bisogna difendere gli urtisti, categoria storica di lavoratori»

ROMA - «Dalla Sindaca Virginia Raggi toni e metodi che umiliano non solo i titolari delle autorizzazioni del commercio sulle aree pubbliche, ma anche tutti i cittadini della Capitale». Così  Daniele Ognibene, Capogruppo Leu al Consiglio della Regione Lazio, che sulla vicenda degli storici rivenditori di souvenir, gli Urtisti, aggiunge: «Inaccettabile che nella Capitale, al collasso per l'immondizia e per l'abusivismo ambulante, la Sindaca – con un piano sulla viabilità disastroso – in nome del decoro e con fare dittatoriale abbia permesso la soppressione dei posteggi assegnati ai titolari di autorizzazione, senza offrire contestualmente loro un'alternativa lavorativa valida. Gli Urtisti rappresentano la storia e la cultura di Roma e del nostro Paese. Gli strumenti che consentano alla Sindaca di farli sopravvivere ci sono. Il Comune dovrebbe lavorare "H24 per 72 ore" per trovare una soluzione, senza un "purché". Dopodiché chiudere il cerchio: se trova una soluzione, bene! Se non la trova, bene lo stesso, è una scommessa che si fa. O trova una soluzione o nel frattempo ricolloca gli operatori nei posteggi trasferiti o soppressi».

Conclude Daniele Ognibene: «Capisco che la Raggi sia sull’orlo di una crisi di nervi, ma proprio con gli Urtisti deve fare la dura e pura? Sarò sempre dalla parte di chi, con fatica giornaliera, cerca di far vivere la propria famiglia con il lavoro. La Raggi provi a far la vita degli Urtisti per un mese, poi sono sicuro che capirà il valore di questi lavoratori».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati