Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

Ruote grasse e solidarietà: torna ad Alberobello il Trofeo Eracle in memoria di Vito Palmisano

Ruote grasse e solidarietà: torna ad Alberobello il Trofeo Eracle in memoria di Vito Palmisano

Ancora in gara i boschi e i tratturi caratteristici della zona dei Trulli ricadenti sia nel territorio di Alberobello che in quello di Martina Franca

di Federico Marconi

ALBEROBELLO (BA) - Giunto alla terza edizione, il Trofeo Eracle si prepara a sfornare emozioni mantenendo fede alla tradizione e alla passione per le ruote grasse nella giornata del 1°marzo ad Alberobello.

IL MERITO - Il merito di questa gara innovativa spetta all’Associazione Eracle che nasce nel novembre del 1995 unendo la passione per la mountain bike di alcuni bikers alberobellesi ed altri della vicina città di Noci. Il compianto presidente, Vito Palmisano, riuscì a portare in pochi anni l'associazione a distinguersi come società di riferimento della mountain bike con l’aiuto dei suoi ottimi collaboratori.

LA GARA - Ancora in gara i boschi e i tratturi caratteristici della zona dei Trulli ricadenti sia nel territorio di Alberobello che in quello di Martina Franca per complessivi 17,1 chilometri con partenza e arrivo fissati all’interno del Camping Bosco Selva, cuore pulsante di tutto lo svolgimento della manifestazione aperta agli agonisti, agli amatori ed anche agli escursionisti. La novità di quest’anno è l’inserimento come gara jolly nel circuito Challenge XCO Puglia: il ricavato delle iscrizioni sarà devoluto a favore della ricerca sulla fibrosi cistica ed Alberobello è già in fibrillazione per non lasciare nulla al caso a una nuova giornata da archiviare positivamente nel segno del binomio due ruote-solidarietà.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati