Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Salute: l’uso di oppioidi abbassa i livelli di testosterone

Salute: l’uso di oppioidi abbassa i livelli di testosterone

Nonostante l'alta percentuale di pazienti, continua a essere un fenomeno sottovalutato

di Federico Marconi

ROMA - L’ipogonadismo, ovvero l'abbassamento della produzione di testosterone, è una conseguenza consolidata dell’uso di oppioidi. È stato segnalato sia negli uomini che nelle donne, sebbene più ampiamente studiato negli uomini. Vi è una grande eterogeneità negli studi, con diversi fattori che hanno dimostrato di avere una più forte associazione con l’ipogonadismo come tipi specifici di oppioidi, dosi più elevate e durate di utilizzo più lunghe.

CONSEGUENZE - Le conseguenze dell’OIH, ipogonadismo indotto da oppioidi, includono disfunzione sessuale, depressione, diminuzione della qualità della vita e bassa densità ossea. “In una ricerca su PubMed abbiamo cercato articoli in inglese fino a dicembre 2019 riguardanti oppioidi e ipogonadismo. La bibliografia degli articoli recuperati è stata cercata per articoli pertinenti.

LA PERCENTUALE - Bisogna dire che la prevalenza dell’ipogonadismo indotto da oppioidi (OIH) varia tra gli studi, ma in una recente revisione sistematica è stata segnalata essere del 69%”, spiega il Dr. Andrea Militello, Urologo Andrologo nelle citta di Roma, Milano, Cosenza e nella Repubblica di San Marino. “Vi è una scarsità di studi randomizzati controllati che valutino l’efficacia della terapia sostitutiva con testosterone (TRT) per l’OIH negli uomini e ancor meno studi sul trattamento dell’OIH nelle donne. Gli studi TRT negli uomini hanno riportato risultati diversi con alcuni studi favorevoli e altri che non mostrano alcun chiaro beneficio della TRT su diverse misure.”

COSA DEDURNE - Quindi cosa ne possiamo dedurre? “Nonostante l’elevata prevalenza di ipogonadismo – continua Il Dr. Militello, premiato nel 2018 come miglior andrologo d’Italia – rimane sottovalutata e non trattata con molteplici conseguenze endocrine e metaboliche. Un approccio ragionevole nei pazienti che usano oppioidi include informarli di questa complicanza e delle sue potenziali conseguenze, lo screening per segni e sintomi di ipogonadismo. Quindi i livelli di ormoni sessuali in caso di uso prolungato di oppioidi maggiore di 3 mesi e il trattamento di pazienti con diagnosi di ipogonadismo, se e quando clinicamente indicato, con gli ormoni sessuali se si prevede di continuare con gli oppioidi cronici per un tempo uguale o maggiore di 6 mesi.”

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati