Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Schengen: eurodeputati pronti per i negoziati

Schengen: eurodeputati pronti per i negoziati

I controlli temporanei alle frontiere dovrebbero essere inizialmente limitati a due mesi anziché a sei

di Giulio Calenne

BRUXELLES - I deputati alle libertà civili hanno convenuto di avviare negoziati con i ministri dell'UE per rivedere i termini e le condizioni per il controllo dei passaporti all'interno dell'area Schengen. Il codice frontiere Schengen, attualmente in fase di revisione, consente agli Stati membri di effettuare controlli temporanei del passaporto o della carta d'identità alle frontiere interne all'interno dell'area Schengen, in caso di grave minaccia all'ordine pubblico o alla sicurezza interna.

I NEGOZIATI - I negoziatori del Parlamento e del Consiglio hanno avviato i colloqui sulla revisione delle norme all'inizio di quest'anno, ma hanno deciso di sospendere i negoziati dopo che è diventato evidente che un compromesso non era possibile. In una votazione di martedì, gli eurodeputati della commissione per le libertà civili hanno dato il via libera, con 43 voti a favore, 12 contrari e 11 astensioni, alla ripresa dei colloqui e approvato la composizione della squadra negoziale del Parlamento. Prima che i negoziati possano iniziare, la Plenaria dovrà dare il proprio sostegno ai colloqui.

DIRITTI CIVILI - Gli eurodeputati per le libertà civili hanno confermato di voler ridurre il periodo iniziale per i controlli alle frontiere da sei mesi (come è attualmente il caso) a due mesi e di limitare qualsiasi proroga a un periodo massimo di un anno, anziché l'attuale limite massimo di due anni. Ulteriori informazioni sulla posizione del Parlamento sono disponibili qui.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati