Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Scoperto il segreto dell'incanto della musica pop

Uno studio rivela come reagisce il cervello quando ascolta accordi imprevisti o rassicuranti

di Martina Turco

ROMA - Rivelato il fattore che rende tali i grandi successi della musica pop, ovvero gli accordi, specialmente quando sono in grado di suscitare stupore e incertezza. A dimostrarlo è uno studio dell’Istituto Max Planck di scienze cognitive umane e cerebrali, (Germania), che ha collaborato con l'Università di Bergen, (Norvegia). I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Current Biology e potrebbero agevolare, in futuro, la creazione di algoritmi utili alla formazione di hit di successo.

LO STUDIO - Grazie all’utilizzo dell’intelligenza artificiale, i ricercatori hanno potuto quantificare l’incertezza e lo stupore provocati da circa 80.000 accordi presenti su 745 classici del pop. I brani scelti provengono dalla classifica statunitense pubblicata da Billboard dal 1958 al 1991. Quindi, degli iniziali ne sono stati selezionati circa un migliaio che sono stati sottoposti a un test di ‘piacevolezza’ fatto su 39 volontari. Parallelamente, 40 persone ascoltavano gli stessi accordi mentre venivano monitorate le attività del cervello con una risonanza magnetica funzionale.

I RISULTATI - Dai risultati si evince che il piacere nell’ascoltare un brano risiede nel momento in cui ci si aspetta di sentire un accordo ma si viene sorpresi da uno inatteso. Allo stesso modo, si prova piacere nell’essere rassicurati da un accordo prevedibile quando si è incerti su quello che sta per arrivare.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Coronavirus, la pandemia che ci ha insegnato la convivenza 6 aprile 2020 10:03

Coronavirus, la pandemia che ci ha insegnato la convivenza

Dal 9 marzo 2020 l’Italia è in una quarantena forzata per contenere l’ondata del virus, ma qualcosa di buono (forse) c’è

ROMA - Quando ne sentivamo parlare, a novembre e dicembre 2019, mentre attraversava e metteva in ginocchio la Cina, il coronavirus ci sembrava solamente una delle tante problematiche estere....

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Coronavirus: il Governo sta agendo bene?

Risultati