Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Silvia Romano torna oggi in Italia

Silvia Romano torna oggi in Italia

La cooperante milanese è stata liberata a 30 chilometri da Mogadiscio grazie a un’operazione dell’intelligence

di Giacomo Zito

ROMA - «Sono stata forte e ho resistito. Sto bene e non vedo l'ora di ritornare in Italia», queste le prime parole di Silvia Romano, la volontaria milanese di 25 anni rapita in Kenya il 20 novembre del 2018. La sua liberazione è stata un successo dell’intelligence che è intervenuta nel nascondiglio dove era stata tenuta prigioniera a 30 chilometri da Mogadiscio. Il suo rientro in Italia è previsto per oggi alle 14 all’aeroporto di Ciampino. 

IL RAPIMENTO - Il rapimento di Silvia Romano era avvenuto 18 mesi fa nel villaggio di Chacama, a circa ottanta chilometri da Nairobi, Kenya, dove la ragazza lavorava come cooperante per la onlus marchigiana Africa Milele. Da lì era stata prelevata con la forza da un gruppo di uomini armati. Poco tempo dopo vennero arrestati tre degli esecutori del blitz e si confermarono le teorie secondo cui la cooperante era stata rapita a scopo d’estorsione. Dalle indagini portate avanti dalla Procura di Roma emerse, dunque, che la ragazza sarebbe potuta essere stata trasportata in Somalia per essere venduta agli jihadisti di al Shabaab, gli stessi che avrebbero finanziato e armato i sequestratori.

LA LIBERAZIONE - L’operazione per la liberazione è avvenuta grazie al coordinamento dell’Aise (Agenzia informazioni e sicurezza esterna), guidato dal generale Luciano Carta, e alla collaborazione dei servizi turchi e somali. La notizia della liberazione è stata data dal profilo Twitter del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte: «Silvia Romano è stata liberata! Ringrazio le donne e gli uomini dei nostri servizi di intelligence. Silvia, ti aspettiamo in Italia!».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati