Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

SLP Cisl: «Al primo posto si metta la salute dei cittadini e dei lavoratori»

SLP Cisl: «Al primo posto si metta la salute dei cittadini e dei lavoratori»

Il segretario di SLP Cisl Stefano Del Maso interviene sulle polemiche di questi giorni

di Giordano D’Angelo

ROMA - Il segretario territoriale della SLP Cisl Stefano Del Maso interviene sulle sterili polemiche che in questi giorni hanno avuto come tema l’apertura degli uffici postali. «Stiamo assistendo con stupore – commenta Del Maso - alle aggressioni mediatiche di alcuni sindaci della Provincia di Siena nei confronti della rimodulazione oraria degli uffici postali. In merito, tengo a precisare che le chiusure e le razionalizzazione di alcuni uffici, sono dovute sia alla salvaguardia della salute dei lavoratori postali, che noi rappresentiamo, sosteniamo e difendiamo da sempre, sia a tutela di quelle fasce di popolazione più deboli e fragili in questo momento di crisi: i pensionati. Le sterili polemiche su operatori postali, servizi e cittadini anziani, sollevate da alcuni sindaci, ci appaiono dettate da questioni meramente politiche che poco hanno a che fare con la salvaguardia della salute, sia degli operatori che degli utenti».

IL MESSAGGIO - «In questo momento il messaggio che riceviamo dal Governo è chiaro: restiamo a casa! Come SLP Cisl ci appelliamo in maniera coscienziosa a tutte le Istituzioni affinché vengano rispettate le indicazioni governative a tutela della salute di tutti e siano garantite le condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro».

LA RICHIESTA - «Chiedo, pertanto, con forza alle istituzioni – continua Del Maso – che venga ridotto il servizio postale, attraverso la definizione dei servizi essenziali da dover erogare negli uffici postali e nel recapito. Questo consentirebbe una diminuzione del personale in servizio ed una minor affluenza di clientela evitando in ogni modo di dare luogo ad assembramenti assolutamente vietati dal Governo. In ogni caso mi preme di precisare che sono le istituzioni che devono decidere quali sono i servizi essenziali irrinunciabili e non Poste Italiane come invece affermato nei giorni scorsi da altre organizzazioni sindacali». 

L'AUSPICIO - «Nell’occasione ribadiamo che il presidio postale è garantito nonostante le rimodulazioni orarie - conclude Stefano del Maso –. Auspicando che presto gli uffici postali possano nuovamente essere affollati, anche in maniera “conviviale”, dai nostri clienti più affezionati, come SLP-Cisl chiediamo ai sindaci di invitare la cittadinanza a restare a casa e recarsi ai nostri sportelli soltanto per espletare operazioni con carattere d’urgenza».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati