Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Smart working, serve una proroga oltre il 31 luglio

Smart working, serve una proroga oltre il 31 luglio

Ad affermarlo è Maurizio Del Conte, docente di Diritto del lavoro all'Università Bocconi

di Stefania Abbondanza

ROMA – Il prossimo 31 luglio scadranno le disposizioni del decreto che ha permesso alle aziende di poter ricorrere allo smart working anche senza gli accordi con i lavoratori previsti dalla legge del 2017. Ciò ha consentito a milioni di italiani di poter continuare a lavorare direttamente da casa nella piena emergenza Covid-19. Ma cosa sarà per il futuro? Secondo Maurizio Del Conte, docente di Diritto del lavoro all'Università Bocconi, «è necessaria una proroga fino al prossimo 31 dicembre».

IL MOTIVO – «Questo rientro confligge con le esigenze di sicurezza: molte aziende non sono ancora in grado di accogliere i lavoratori negli uffici, rispettando il distanziamento. Serve una proroga per arrivare poi, grazie agli accordi di contrattazione aziendale, allo 'smart-working 2.0».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

2021, sarà l’anno della svolta anti-Covid?

Risultati