Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Smart working: un’opportunità ma anche un pericolo cyber

Smart working: un’opportunità ma anche un pericolo cyber

I consigli di FireEye per lavorare da remoto in sicurezza

di Silvia de Mari

ROMA - Quando un’azienda avvia un progetto IT, i diversi dipartimenti aziendali instaurano un tavolo di lavoro per pianificarne l’esecuzione. Solitamente durante queste fasi, le divisioni di Cyber Security forniscono una serie di suggerimenti e di verifiche affinché il progetto sia il più sicuro possibile. In questi giorni, di emergenza dovuta alla pandemia da Covid-19, molte aziende si sono ritrovate a dover fornire necessariamente ai dipendenti, in tempi pressochè immediati, un accesso remoto a sistemi e dati aziendali, abilitandoli a effettuare il cosiddetto smart working.

LA SICUREZZA - Quando ci si trova a dover affrontare nell’emergenza un progetto che vada a garantire accesso remoto ai sistemi aziendali, a un ampio bacino di utenti, è di fondamentale importanza adottare anche una serie di precauzioni dal punto di vista della Cyber Security.

ANALIZZARE - A cosa devono prestare attenzione le aziende e gli utenti in termini di sicurezza quando avviano un programma di smart working? In prima istanza è necessario realizzare un Threat Model aggiornato, ovvero analizzare come gli aggressori potrebbero comportarsi in questa specifica situazione, sulle modalità in cui in passato altre aziende sono state compromesse, per arrivare poi a stabilire quali sistemi o accorgimenti di sicurezza o di mitigazione serviranno. Sfruttando le sorgenti di Intelligence sulle minacce cyber è ad esempio possibile avere a disposizione informazioni importanti per creare dei modelli di scenari di attacco da andare poi ad indirizzare.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati