Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Spagna: raggiunto l’accordo per il governo tra socialisti e Podemos

Spagna: raggiunto l’accordo per il governo tra socialisti e Podemos

Sarà un governo progressista e di sinistra, legato da una «necessità storica»

di Giacomo Zito

ROMA - C’è l’accordo, la Spagna ha un nuovo governo. All’indomani delle elezioni il Partito Socialista e Unidos Podemos hanno stipulato un patto per governare il Paese. A firmarlo i due leader Pedro Sanchez e Pablo Iglesias, che parlano di «governo di coalizione progressista che combini l'esperienza del Psoe e il coraggio di Unidas Podemos». Per il momento si tratta solo di un “preaccordo”, dato che le nomine per il governo dovranno attendere il voto di fiducia.

GOVERNO PROGRESSISTA - «È un accordo per quattro anni, di legislatura - ha sottolineato Sanchez - Sarà basato sulla coesione e la lealtà e aperto al resto delle forze politiche per costruire una maggioranza parlamentare. Questo nuovo governo sarà rotondamente progressista perché sarà formato da forze progressiste e lavorerà per il progresso della Spagna e di tutti gli spagnoli. Ciò che non rientrerà saranno l'odio e lo scontro fra gli spagnoli».

LA FIDUCIA - Il leader di Podemos ha rimarcato la fiducia con cui si protende a questa alleanza. Nonostante riproponga la stessa alleanza che ha portato alle elezioni anticipate, questo nuovo accordo significherà un nuovo corso per il Paese iberico e per le due forze progressiste di maggioranza. Al momento, quindi, sembrerebbero essere state superate le problematicità del passato, nonostante un'amara nota finale: «Ciò che ad aprile era un'opportunità storica è diventato una necessità storica» ha chiosato Iglesias.

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati