Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Speranza: «La scuola riaprirà in sicurezza, è una priorità»

Speranza: «La scuola riaprirà in sicurezza, è una priorità»

Roberto Speranza, nel corso dell’informativa in Senato sull’attuazione delle misure anti-Covid

di Silvia de Mari

ROMA - Roberto Speranza, nel corso dell’informativa in Senato sull’attuazione delle misure anti-Covid, ha detto: «La scuola riaprirà a settembre e in sicurezza: è una priorità assoluta. Su questo obiettivo si stanno investendo tutte le energie, l’obiettivo è ricostruire una relazione organica tra scuola e Servizio Sanitario Nazionale, se ci saranno casi positivi saranno i dipartimenti di prevenzione delle Asl territoriali a intervenire con un’indagine e con la decisione delle misure da adottare dai tamponi alla quarantena. Non lasceremo soli i presidi e gli insegnanti – ha detto e l’Italia è l’unico paese in Europa e nel Mondo che metterà a disposizione 11 milioni di mascherine per studenti e personale scolastico».

IL COMMENTO - «l’Italia è davvero in prima linea: nelle ultime ore è stato reso definitivo il contratto tra la Commissione Europea e Astrazeneca, un candidato vaccino, quindi c’è bisogno di tutta la prudenza del caso, ma in questo contratto c’è scritto che le prime dosi, se dovesse essere confermato come sicuro, saranno già disponibili entro la fine del 2020»

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Governo Draghi, c’è la fiducia del Parlamento: è la scelta giusta?

Risultati