Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Stime Coldiretti: con dazi marchio Trump perdite del 20%

Stime Coldiretti: con dazi marchio Trump perdite del 20%

Caleranno le vendite e si faciliterà un mercato interno negli USA che produce prodotti 'taroccati'

di Claudio Carassiti

ROMA - Entrano in vigore i dazi di Trump sui prodotti agroalimentari europei e le stime sull’esportazione del Made In Italy sono pessime. Secondo una stima della Coldiretti avremo un calo del 20% delle vendite dei prodotti agroalimentari: i più colpiti saranno i formaggi, i salumi, gli agrumi, i succhi e i liquori. Un dazio che aumenterà di quasi il triplo, rendendo i nostri prodotti tipici, come il Grana Padano o il Parmigiano Reggiano, difficilmente proponibili al mercato statunitense.

IL PREZZO - Con un dazio intorno ai 6 euro al chilo, un cittadino statunitense che vorrà acquistare uno dei pregiati formaggi importati dall’Italia, dovrà pagarlo tra i 40 e gli oltre 45 dollari al chilo, con la conseguente frenata sull’acquisto.

L’ATTACCO - In una nota della Coldiretti le accuse non sono leggere: «A beneficiare della situazione è la lobby dell'industria casearia Usa (CCFN), che ha esplicitamente chiesto con una lettera di imporre tasse alle importazioni di formaggi europei, al fine di favorire l'industria del falso Made in Italy e costringere l'Unione Europea ad aprire le frontiere ai tarocchi a stelle e strisce».

LA FRANCIA - Se per l’Italia la situazione è questa, per la Francia la stima è di circa 1 miliardo di perdite a causa dei dazi, che interesseranno principalmente i vini (tranne lo champagne) e i formaggi (tranne il Roquefort).

 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati