Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Storico accordo sui migranti tra Italia e Costa d’Avorio

Storico accordo sui migranti tra Italia e Costa d’Avorio

Si tratta di un un protocollo d’intesa, centrato sulla cooperazione per la gestione comune del fenomeno migratorio

di Giacomo Zito

ROMA – Il governo fa passi avanti in materia di controlli dei flussi migratori. A Roma, infatti, è stato firmato un protocollo d’intesa dal ministro dell’Interno italiano Luciana Lamorgese e dal titolare della Costa d’Avorio per la Sicurezza, il generale Vagondo Diomandé.

UN «MOMENTO SOLENNE» - Si tratterebbe, secondo quando è stato detto al Viminale, di un accordo senza precedenti in Europa. «Ci consentirà di gestire insieme il processo immigratorio che abbiamo in Italia – ha detto Lamorgese – tenendo conto che le persone provenienti dalla Costa d’Avorio sono una percentuale consistente, circa il 10 per cento degli arrivi». Per Diomandé, invece, si è trattato di un «momento solenne»: «É la prima volta – ha sottolineato il ministro ivoriano – che un accordo così importante viene firmato da un paese europeo con un Paese africano».

L’ACCORDO - L’intesa prevede numerose azioni di cooperazione per la gestione dei rimpatri di migranti irregolari e per la progettazione di un’intesa a più ampio respiro tra i due Paesi. Alcuni dettagli dell’accordo sono stati anticipati da Lamorgese stessa: «Lavoreremo per l’integrazione dei cittadini di questo Paese dell’Africa presenti sul nostro territorio nazionale. É poi importante - ha aggiunto - l’attività di formazione professionale che servirà a creare posti di lavoro e a occupare i giovani favorendone l’inclusione sociale in Costa d’Avorio».

LE FORZE DI POLIZIA - A interessare l’accordo ci sono, in particolare, le forze di polizia. «La vostra esperienza – ha detto Diomandé – ci potrà aiutare a migliorare nella lotta contro il terrorismo e la criminalità organizzata, senza dimenticare altri aspetti legati a protezione civile».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati