Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Sui treni a lunga percorrenza non bisognerà più rispettare un metro di distanza

Sui treni a lunga percorrenza non bisognerà più rispettare un metro di distanza

Lo ha detto il Mit annunciando le nuove disposizioni per il trasporto ferroviario

di Valerio Cruciani

ROMA - Stop al distanziamento di un metro per i treni a lunga percorrenza. Lo annunci il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti anticipando le nuove disposizioni per trasporto ferroviario, previste dal Dpcm del 14 luglio. Il Mit scrive in un comunicato che "è consentito derogare al distanziamento interpersonale di un metro" rispettando alcune regole. Mentre "resta esclusa la possibilità di utilizzare i sedili contrapposti (faccia a faccia) nel caso in cui non sia possibile garantire permanentemente la distanza interpersonale di almeno un metro, ferma restando la possibilità di derogare a tale regola qualora i passeggeri siano conviventi nella stessa unità abitativa". Niente più sedili vuoti, dunque, nonostante la curva dei contagi sia in crescita da qualche giorno e l’indice di contagio (Rt) è ormai prossimo all’1 a livello nazionale. Per il Comitato tecnico scientifico del governo si tratta di una scelta "che desta molta preoccupazione". E anche la Lombardia, intanto, dice addio al metro di distanza tra i passeggeri: la nuova ordinanza regionale in vigore da sabato al 10 settembre prevede che su treni, bus, tram e metropolitane locali e regionali è consentita l’occupazione del 100% dei posti a sedere e del 50% dei posti in piedi, sempre con l’obbligo della mascherina. 

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati