Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

TAM TAM Digifest torna in streaming da oggi su Keaton.eu

TAM TAM Digifest torna in streaming da oggi su Keaton.eu

La selezione di film sul tema “Donne di Frontiera - rivoluzioni al femminile”

di Alessia Salmoni

ROMA - Torna il Tam Tam Digifest che sfida il lockdown e termina il suo programma con una sessione che si svolgerà da oggi fino al 30 dicembre 2020. Le proiezioni si svolgeranno on line sulla piattaforma Keaton con un calendario che prevede 6 film e 2 cortometraggi sul tema Donne di Frontiera - rivoluzioni al femminile. I film saranno disponibili dalle ore 18:00 del 22 dicembre alle ore 24:00 del 30 dicembre nelle sale virtuali della piattaforma Keaton.

I FILM IN PROGRAMMA - Il programma completo prevede, in primis, "Diva!": un film documentario del 2017 diretto da Francesco Patierno. È un film basato sulla vita dell’attrice Valentina Cortese tratto dal libro autobiografico Quanti sono i domani passati scritto con Enrico Rot. Tra gli altri film si segnalano "Grace Jones: Bloodlight and Bami", un film di Sophie Fiennes, un grande biopic, un variegato ritratto stratiforme, adulto, anticonvenzionale della performer giamaicana. Quindi "AstroSamantha" di Fabio Cerasola, documentario sulla vita di Samantha Cristoforetti, astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea, pilota dell'Aeronautica Militare, protagonista della seconda missione di lunga durata dell'Agenzia Spaziale Italiana. "La vita invisibile di Eurídice Gusmão (A vida invisível)" è  invece un film del 2019 diretto da Karim Aïnouz, premiato a Cannes nel 2019 come Miglior film per la sezione Un Certain Regard. "Eurídice Gusmão che sognava la rivoluzione" è il romanzo di Martha Batalha che il brasiliano Karin Aïnouz sceglie di portare sullo schermo, per due ore e venti che passano in un lampo, tante sono le emozioni che riesce a regalare. Quindi verrà "proiettato" "Marie Curie", regia di Marie Noelle, che racconta la storia di Marie Curie, una delle prime donne a cui è stato riconosciuto l'appellativo di "genio", solitamente affibbiato a uomini. Le sue scoperte hanno avuto un forte impatto sulla scienza del Novecento e di oggi, portando alla luce una delle cause principali del cancro, la radioattività. Unica donna vincitrice di due Nobel, Marie Curie è un esempio femminile della Francia del XX secolo, che ha dovuto superare a testa alta gli attacchi dei media, dimostrando alla storia che anche un grande scienziato può "portare la gonna". Quindi sarà il turno di "Marie Heurtin - Dal buio alla luce", Francia - 2014 - regia di Jean-Pierre Améris. La coraggiosa battaglia di una ragazza sordo cieca di inizio secolo per affermare il proprio diritto a una vita normale, in un’epoca molto più sorda di lei, e alle poche voci civiche che chiedevano di non emarginare i disabili.

I CORTOMETRAGGI - Due cortometraggi saranno quindi trasmessi in visione gratuita dal 22 al 30 dicembre: "Sirene", di Giulio Gargia, un pescatore e un’antica leggenda irrompono nell’apparente normalità di una coppia in crisi e "Cristallo", di Manuela Tempesta, la storia di due donne e un drammatico segreto che le avvicina.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, quasi tutta Italia in zona rossa: restrizioni troppo dure o necessarie?

Risultati