Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Tanti riconoscimenti per Judy, il nuovo film con Renée Zellweger

Tanti riconoscimenti per Judy, il nuovo film con Renée Zellweger

Critics Choice Award e candidatura come miglior attrice protagonista agli Oscar per Renée Zellweger a cui si aggiunge la candidatura del film per miglior trucc

di Federico Marconi

ROMA - Renée Zellweger, protagonista dell’emozionate biopic Judy, continua a ricevere importanti riconoscimenti che confermano la sua eccezionale interpretazione. Dopo aver vinto il premio come miglior attrice ai Critics Choice Awards - i premi che la critica statunitense assegna ai miglior film e programmi televisivi - ha ottenuto una candidatura come miglior attrice protagonista agli Oscar. Il film ha ricevuto inoltre una candidatura per miglior trucco e acconciatura. 

LA PROTAGONISTA - L’attrice premio Oscar interpreta Judy Garland, leggendaria icona internazionale e protagonista di enormi successi come Il mago di Oz, È nata una stella e Incontriamoci a St. Louis. Judy, presentato alla 44esima edizione del TIFF - Toronto International Film Festival, alla 14esima edizione della Festa del Cinema di Roma, sarà dal 6 febbraio al cinema con Notorious Pictures. 

IL FILM - Diretto dal regista britannico Rupert Goold (True Story), Judy è basato sul dramma teatrale End of the Rainbow di Peter Quilter, che racconta delle ultime apparizioni pubbliche della Garland: nel dicembre del 1968, la diva accettò di tenere a Londra una serie di concerti tutto esaurito al celebre night club “Talk of the Town”, per una durata di cinque settimane. Il film – attraverso flashback che regalano alcune delle performance più eccezionali della sua carriera – esplora in particolare l’ultimo periodo della vita della Garland, prima della sua morte, tra amori tormentati, drammi familiari e il costante amore dei suoi fan.

IL CAST - A completare il cast, tra gli altri, sono Rufus Sewell (Dark City, L’uomo nell’alto castello), Jessie Buckley (A proposito di Rose, Chernobyl), Michael Gambon (Il mistero di Sleepy Hollow, la saga di Harry Potter) e Finn Wittrock (The Normal Heart, American Horror Story).

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati