Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Targhe straniere: cosa cambia in Italia

Targhe straniere: cosa cambia in Italia

Dal 1 febbraio è partita la stretta, grazie alla Legge europea 2019-2020

di Maria Chiara Fantauzzi

ROMA – Giro di vite sulle auto con targa straniera che circolano sul territorio italiano. La cosiddetta “esterovestizione” – ovvero la pratica che consiste nell’immatricolare le proprie auto con targhe estere – è nata circa di 10 anni fa. Di questa si sono “approfittati” in molti, per i motivi più disparati: sottrarsi al pagamento delle tasse sui veicoli, evitare gli aumenti sulle assicurazioni, le multe e i controlli patrimoniali del fisco.

LA NOVITA’ – Dal 1 febbraio, però, è partita la stretta. Come riporta Il Messaggero, infatti, l’entrata in vigore della Legge europea 2019-2020, approvata dalla Camera prima di Natale e quindi dell’articolo 93bis del Codice della strada, prevede chei veicoli con targa estera, di proprietà di residenti in Italia, potranno circolare nel Paese per tre mesi anziché due da quando l’interessato ha preso la residenza italiana. Le sanzioni, in tal caso, varranno anche se alla guida del veicolo c’è un residente all’estero differente dal proprietario.

MEZZI CON TARGA ESTERA – Per quel che riguarda “i mezzi con targa estera, condotti sul territorio nazionale da un soggetto avente residenza anagrafica in Italia”, se l’identità non coincide con quella dell’intestatario del veicolo, “deve essere custodito all’interno del veicolo un documento, sottoscritto con data certa dall’intestatario, dal quale risulti in modo chiaro il titolo e la durata della disponibilità del veicolo”. Il limite per utilizzare il mezzo è di 30 giorni. Se si andrà oltre, il titolo e la durata della disponibilità del veicolo “devono essere registrati nel Pubblico registro automobilistico. Se ciò non avviene scatta una multa compresa tra 712 euro a 3.558 euro”.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo