Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Motori

Testa Rossa J, nasce la replica in scala della 250 Testa Rossa del 1957

Testa Rossa J, nasce la replica in scala della 250 Testa Rossa del 1957

La junior car per vivere uno dei capolavori della storia Ferrari

di Giulio Calenne

MARANELLO – Un progetto speciale per riscoprire le vetture del passato, una nuova proposta dedicata ai clienti più appassionati, un invito a condividere il sogno con i giovani Ferraristi. Questo è la Testa Rossa J, una replica in scala di un celebre modello storico che richiama le sfide e le vittorie del Cavallino Rampante. La vettura, in scala al 75%, grazie a un motore elettrico permette a tutti di vivere le emozioni di guida di una leggenda dell’automobilismo.

TESTA ROSSA - La Testa Rossa J è nata dalla riproduzione fedele della 250 Testa Rossa del 1957 in soli 299 esemplari, ad oggi uno dei modelli più iconici e vincenti della storia di Ferrari e dell’automobilismo. Ferrari ha supervisionato ogni aspetto del progetto, frutto della collaborazione con The Little Car Company, azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di Junior Car. Il Centro Stile di Maranello ha studiato le proporzioni e le livree, mentre la progettazione del telaio e di altre parti è stata realizzata sulla base dai disegni originali custoditi da Ferrari Classiche. La Testa Rossa J non è omologata per l’utilizzo su strada e può essere guidate a partire dai 14 anni di età.

LA STORIA - Protagonista dei circuiti fra gli anni ’50 e ’60, la 250 Testa Rossa è a dir poco sorprendente per il suo palmarès e la sua longevità. Sono 18 le vittorie collezionate nella sua storia e tre i campionati marche conquistati nel 1958, 1960 e 1961. È inoltre l’unica Ferrari ad aver vinto per quattro volte la 24 Ore di Le Mans nel 1958, 1960, 1961 e nel 1962 considerando la sua ultima evoluzione 330 TRI/LM. Numeri che la posizionano ai vertici delle Ferrari più celebrate di sempre.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo