Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Torino Film Festival, ecco i premi della 37esima edizione

Torino Film Festival, ecco i premi della 37esima edizione

Conclusa una delle più importanti rassegne cinematografiche italiane

di Giordano D’Angelo

TORINO – La 37esima edizione del Concorso Internazionale Lungometraggi, presieduta da Cristina Comencini (Italia) ha assegnato i propri premi. 

MIGLIOR FILM - Il premio più ambito, per miglior film, è andato a Hvítur, Hvítur Dagur / A white, white day di Hlynur Pálmason (Islanda/Danimarca/Svezia).

PREMIO FONDAZIONE SANDRETTE RE REBAUDENGO - Il premio è stato vinto da Le Rêve de Noura di Hinde Boujemaa (Tunisia/Francia/Qatar).

PREMIO MIGLIOR ATTRICE - Il premio è stato vinto da Viktoria Miroshnichenko e Vasilisa Perelygina, per il film Dylda / Beanpole di Kantemir Balagov (Russia).

PREMIO MIGLIOR ATTORE - Il premio è stato vinto da Giuseppe Battiston e Stefano Fresi per il film Il grande passo di Antonio Padovan (Italia).

PREMIO PER LA MIGLIOR SCENEGGIATURA - Il premio è stato vinto da Wet Season di Anthony Chen (Singapore /Taiwan).

PREMIO DEL PUBBLICO - Il pubblico ha deciso di premiare Ms. White Light di Paul Shoulberg (Stati Uniti).

INTERNAZIONALE.DOC - Durante il Torino Film Festival sono stati consegnati anche i premi in merito alla rassegna sui documentari. Il premio come miglior film per Internazionale.doc è stato vinto da 143 Rue du Desert di Hassen Ferhani (Algeria/Francia/Qatar). La giuria l’ha votato in quanto è «un’umile osservazione dei cambiamenti di spazio e tempo. Con Malika e lo sguardo del regista ci tuffiamo in un imprevedibile viaggio sociopolitico attraverso il cuore del deserto». Il premio speciale della giuria, invece, è stato vinto da Khamsin di Grégoire Couvert e Grégoire Orio (Francia) in quanto è «un tentativo di comprendere il passato attraverso l'arte al fine di reinventare una possibilità di futuro».

ITALIANA.DOC - Il premio per miglior film per Italiana.doc è stato vinto da Fuori tutto di Gianluca Matarrese «per il coraggio e la freschezza con cui il regista realizza un racconto intimo, rendendo il dramma della propria famiglia emblema di una crisi economica dilagante». Il premio Speciale della giuria, invece, è stato vinto da L’Apprendistato di Davide Maldi «un racconto di formazione all’interno di un universo chiuso, capace di condensare forza visiva, delicatezza e paradosso».

ITALIANA.CORTI - La Giuria di Italiana.corti ha assegnato il premio per il miglior cortometraggio a Spera Teresa di Damiano Giacomelli per essere una «graffiante e sofisticata riflessione sulla caducità del presente in relazione alla batteria della macchina da presa». Il premio Speciale della giuria, invece, è stato vinto da La Buca di Dario Fedele «per la capacità di raccontare la vitalità di chi aspetta, nonostante l'impossibilità di filmare».

PREMIO FIPRESCI - Il Premio Fipresci (Premio della Federazione Internazionale della Stampa Cinematografica) per il Miglior film è stato vinto da Le Rêve de Noura di Hinde Boujemaa (Tunisia, Francia, Qatar) «per la sua atmosfera realistica e la sua storia veritiera, caparbia, limpida e suggestiva, girata in un luogo specifico e marginale; il film affronta infatti problemi globali riguardanti scelta, libertà, responsabilità e convenzioni sociali conservatrici, che si basano anche su bisogni umani semplici e basilari nonché sulle fondamenta di ogni società: rivalità, felicità, dominio».

PREMIO CIPPUTI  - Il premio per il miglior film sul mondo del lavoro va a Ohong Village di Lungyin Lim (Taiwan/Repubblica Ceca). Per la giuria «Lungyin Lim mette a confronto nel suo film le due facce del lavoro: quella dura e sfinente di chi fatica ogni giorno a guadagnarsi da vivere e quella gratificante e sognata di chi avrebbe trovato la strada per la ricchezza. Così il figlio del povero pescatore che torna a Taiwan dalla Cina dopo aver inseguito i miti del successo e del denaro diventa lo strumento di un confronto dove i sogni devono fare i conti con la realtà e le sirene del guadagno nascondono sconfitte e delusioni».

PREMIO CINEMA D'ACQUA - Il premio Cinema d’acqua viene conferito al miglior cortometraggio italiano.  Il vincitore di quest’anno è Apollo 18 di Marco Renda «per la capacità di celebrare il passato e parlare del presente, vedendo nell’acqua un elemento d’incontro, di comunicazione e di condivisione».

PREMIO TORINO FACTORY - Il premio Torino Factory è stato vinto, ex equo, da due film. Il primo è Manuale di storie dei cinema, di Stefano D'Antuono e Bruno Ugioli «per la meticolosità della ricerca storica, per il tono ironico, ma emotivamente carico, che tiene insieme il racconto, restando coerente fino all’ultimo fotogramma e ai saluti finali. Per il montaggio accurato che mantiene alto il ritmo dell’esposizione catturando con efficacia l'attenzione dello spettatore». L’altro vincitore è Selene di Sara Bianchi «perché la regista ha saputo raccontare in modo suggestivo una storia intima e dolorosa, capace di emozionare con delicatezza, evocando il vissuto della protagonista con rapide e eloquenti pennellate. Per la buona fotografia, la cura nelle inquadrature e l'uso narrativamente efficace del montaggio».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati