Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Tornare alla normalità pre-Covid? "Per l'Italia sarebbe un errore"

Tornare alla normalità pre-Covid? "Per l'Italia sarebbe un errore"

L’intervento di Gentiloni, secondo cui “il Recovery fund avrà successo se trasformerà le nostre economie in senso più sostenibile”

di Bianca Franchi

ROMA - Sbagliato pensare di voler tornare alla “normalità” pre-Covid, si commetterebbe un doppio errore. Lo afferma il commissario europeo all’Economia, l’ex premier Paolo Gentiloni, secondo cui “il Recovery fund avrà successo se trasformerà le nostre economie in senso più sostenibile, più inclusivo e le renderà più competitive”. Parlando anche dell’Italia, quindi, aggiunge: “E per un Paese che aveva la crescita più bassa degli altri vale doppio”.

LA RESPONSABILITÀ - Quindi, l’ex premier, intervistato dal Corriere della Sera, parla anche dell’attuale governo, a cui è stata assegnata una “gigantesca responsabilità politica”, ovvero quella di “gestire una crisi acuta come mai nella storia repubblicana” avendo “a disposizione risorse” senza precedenti. “Dobbiamo anche essere consapevoli - continua - che nel 2020 l'Italia sta spendendo più di tutti, assieme alla Germania. Più di Francia e Spagna. Una cosa enorme visto il livello del debito. Queste spese straordinarie - spiega il commissario - vanno gestite con una logica che non è di emergenza e l'obiettivo non è tornare alla situazione pre-Covid”. 

I CONSIGLI - Secondo Gentiloni ora è il momento in cui si apre “una grande occasione di provare a fare sul serio alcuni cambiamenti che ripetiamo come litanie da decenni”. Ma “più che cento progetti per dare segnali a tutti, penso sia importante concentrarsi su sette o otto aree di intervento che trascinino il resto”. 

LA GRANDE DIVERGENZA - Parlando del Recovery Fund, quindi, lancia un avvertimento: “Bisogna che tutti i Paesi si impegnino per evitare quella che io chiamo la Grande divergenza”, parlando in particolare dei Paesi più colpiti dalla crisi. “Noi restiamo alle nostre previsioni di un calo dell'8,7% nella Ue nel 2020 - conclude -. Abbiamo indicato il rischio di uno scenario ancora peggiore, che per ora non si sta materializzando. La via della ripresa è lastricata di incertezza”.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati