Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Tra Usa e Cina sono giorni d’alta tensione

Tra Usa e Cina sono giorni d’alta tensione

Prima per il caso dell’Oms ora per quella che viene vista come una “mancata promessa” riguardo all’autonomia di Hong Kong

di Valerio Cruciani

ROMA - Tra Stati Uniti e Cina aumentano le tensioni politiche. Dopo le accuse di Trump all’Oms per la gestione delle notizie sulla pandemia da Covid-19, ora il presidente si scaglia contro Pechino per il suo intervento a Hong Kong. «La Cina ha violato la sua promessa di assicurare l'autonomia di Hong Kong» ha affermato il presidente in conferenza stampa, perché con la stretta di Pechino l'ex colonia britannica «non è più autonoma». 

LE DECISIONI - A seguito delle dichiarazioni si stanno muovendo anche i primi provvedimenti. L’Oms non riceverà più finanziamenti dagli Stati Uniti, mentre per alcuni cittadini cinesi, identificati come possibile rischio per la sicurezza nazionale, non sarà più permesso entrare negli States.

HONG KONG - Sul caso di Hong Kong è intervenuta anche la Gran Bretagna, attraverso le parole dell’inviato all’Onu durante una riunione alle Nazioni Unite. «Speriamo che il governo cinese si fermi e rifletta sulle preoccupazioni serie e legittime che questa proposta ha sollevato sia a Hong Kong che nel mondo», ha affermato Jonathan Allen, vice rappresentante permanente della Gran Bretagna. Per i cinesi, però, «qualsiasi tentativo di usare Hong Kong per interferire negli affari interni della Cina è destinato al fallimento». Così si è espresso l'ambasciatore cinese presso le Nazioni Unite Zhang Jun dopo una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu in videoconferenza. Il diplomatico, inoltre, «ha esortato gli Stati Uniti e il Regno Unito a smettere di porre accuse infondate contro Cina».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza 13 luglio 2020 10:02

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza

Lo straniero, secondo una diffusa mentalità, è da denigrare solo quando è avversario

ROMA - La coerenza, ce ne stiamo accorgendo, non è cosa di questi tempi. Ciò che oggi sosteniamo strenuamente, domani condanniamo in maniera forte e convinta; senza che questa sia...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid-19: siete preoccupati per una possibile seconda ondata del virus in Italia?

Risultati