Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Sport

Trofeo Matteotti: a Pescara il “Valerio Conti show”

Trofeo Matteotti: a Pescara il “Valerio Conti show”

A dare manforte al prestigio della corsa anche la spettacolarità del percorso collinare

di Federico Marconi

PESCARA - Lezione di forza e di stile al culmine di una sontuosa performance per Valerio Conti che ha messo la firma sulla vittoria del 73°Trofeo Matteotti, la classica professionistica disputata a Pescara che ha visto sul podio lo spagnolo Diego Rubio Hernandez e Manuel Savini.

IL MATTEOTTI - È stato un Matteotti che ha ritrovato quest’anno, in via del tutto eccezionale, la vecchia collocazione naturale nel mese di agosto (ma dal 2021 già calendarizzata al 19 settembre) ma come sempre dall’alta caratura organizzativa grazie all’Unione Ciclistica Fernando Perna con la regia del patron Daniele Sebastiani, coaudivato dal direttore tecnico dell’organizzazione Stefano Giuliani, dal presidente onorario Renato Ricci e dal segretario Dino Renzetti, più la collaborazione tecnica del Gruppo Sportivo Emilia di Adriano Amici.

IL PRESTIGIO - A dare manforte al prestigio della corsa anche la spettacolarità del percorso collinare tra Pescara e Montesilvano Colle (13 giri di 15 chilometri cadauno), abbastanza selettivo tra salita e discesa, senza dimenticare il caldo superiore ai 33 gradi. A prendere il via alla corsa 141 corridori in rappresentanza di 24 team con gli abruzzesi Andrea Di Renzo della Vini Zabù KTM (da Selva d’Altino), Emanuele Onesti della Giotti Victoria-Savini Due (da Montesilvano), Ivan Martinelli della D’Amico UM Tools (Lanciano), Francesco Di Felice (Pescara), Jacopo Cortese (Roseto degli Abruzzi), Antonio Di Sante (Roseto degli Abruzzi) e Davide Leone (Nereto) della Sangemini MG Kvis.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati