Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Spettacolo

Tutti Fenomeni fa uscire “Merce Funebre”

Tutti Fenomeni fa uscire “Merce Funebre”

L'atteso Primo Album interamente prodotto da Niccolò Contessa

di Stefania Abbondanza

ROMA - Il primo album di Tutti Fenomeni ha un titolo e una data di uscita: il 17/01/2020. Interamente prodotto da Niccolò Contessa (che insieme a Tutti Fenomeni ha composto anche le musiche) e anticipato dai singoli Valori aggiunti, Trauermarsch e, ora, Qualcuno che si esplode (Ascoltalo qui: https://SMI.lnk.to/qcse), "Merce funebre" è il primo disco di Giorgio Quarzo Guarascio, vero nome di Tutti Fenomeni, 23enne romano emerso dalla scena del Soundcloud rap ma che da subito si è spostato verso territori altri, inediti e inafferrabili.

ANOMALO - Tutti Fenomeni è l'onda anomala che travolgerà la musica italiana. È nuovo e vecchio insieme. Classico e moderno. Passato e futuro. Un cantautore post-moderno, un Battiato cresciuto nell'era della trap. La versione pericolosa e lisergica dell'itpop. Oppure la negazione perfetta di tutto quanto scritto poco sopra. Niente potrebbe essere reale, tutto potrebbe essere solo frutto della vostra immaginazione. Oppure no. Oppure chissà.

LE CANZONI - Le canzoni di Tutti Fenomeni sono come un frullatore dentro il quale convivono le influenze musicali più disparate, ma anche un gusto notevole per lo sberleffo che si evince fin dal modo in cui vengono scritti i testi: un insieme di citazioni pescate dagli ambiti più diversi (come ad esempio testi di filosofia e brani della Dark Polo Gang, sembra impossibile ma è così) e decontestualizzate fino al punto di acquisire nuovi significati. Ma non pensate che sia nonsense, perché il senso c'è eccome.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Parlamento, zona franca 25 maggio 2020 10:03

Parlamento, zona franca

I politici di casa nostra, anche durante il lockdown, hanno continuato a non dare il buon esempio

ROMA - “Quis custodiet ipsos custodes?”, o per meglio dire (visto che con la didattica a distanza di latino sul pc, ultimamente, se ne sta leggendo molto) “chi sorveglierà i...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Serie A, è giusto ripartire?

Risultati