Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

Twitter: non si potranno più postare spot politici

Twitter: non si potranno più postare spot politici

Una decisione che «nulla a che fare con la libertà di espressione»

di Stefania Abbondanza

ROMA - Storica decisione per Twitter: è stato decretato il divieto di pubblicare spot politici sulla piattaforma virtuale. La decisione è stata annunciata dal creatore dell’azienda, Jack Dorsey, un anno prima delle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

LA DECISIONE - Una decisione ardita che «nulla a che fare con la libertà di espressione» ha detto Dosey. «Ha a che fare con il pagare per raggiungere un pubblico più ampio possibile, e questo - ha aggiunto - ha significative ramificazioni che l'architettura democratica di oggi potrebbe non essere in grado di gestire». 

LE MOTIVAZIONI - Gli scandali di Cambridge Analytica e le accuse rimbalzate tra Democratici e Repubblicani sulle presidenziali USA del 2016 devono aver inciso sulla scelta dell’azienda. Da allora, infatti, in tante campagne elettorali in Europa e in tutto il mondo occidentale si è posta la questione del ruolo dei social network nei processi elettorali e, quindi, decisionali di un intero Paese. Lo stesso Twitter, con Facebook, è finito spesso sotto accusa per non aver agito affinché fosse regolata la pubblicità durante la campagna elettorale. Dorsey vuole, con questo gesto, scrollarsi di dosso questa immagine, a differenza di Zuckerberg che continua a essere chiamato e contestato in Congresso.

LA STRETTA - Questa decisione viene presa dopo che Twitter aveva già iniziato a stabilire maggiori controlli sugli inserzionisti, al fine, per esempio, di verificare le loro identità per bloccare le pubblicità sponsorizzate da organismi sostenuti da apparati statali o governi con particolari interessi di parte.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema 13 settembre 2017 10:03

Calcio, Fair Play Finanziario: da soluzione a problema

Tre giocatori del PSG (Neymar, Cavani e Mbappé) valgono più di 8 squadre di Serie A: i divari, invece di assottigliarsi, aumentano

ROMA – “Non è un paese per vecchi”, recitava nel 2007 il titolo di un film dei fratelli Coen. Parafrasando, in parte, questa frase, si potrebbe dire che il calcio, ormai,...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Calcio, Roberto Mancini è il nuovo CT dell'Italia: è la scelta giusta?

Risultati