Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Esteri

Ucraina, la Svizzera non è più neutrale: congelati i beni di Putin e di diversi membri dell'esecutivo

Ucraina, la Svizzera non è più neutrale: congelati i beni di Putin e di diversi membri dell'esecutivo

Tra questi anche il primo ministro russo Mikhail Michoustin e il ministro degli Esteri Sergei Lavrov

di Bianca Franchi

ROMA - Anche la Svizzera scende in campo contro l'aggressione della Russia in Ucraina. La Confederazione ha infatto deciso oggi di riprendere le sanzioni europee contro la Russia, congelando i beni del presidente Vladimir Putin e di diversi membri dell'esecutivo, tra cui il primo ministro russo Mikhail Michoustin e il ministro degli Esteri Sergei Lavrov. "Si tratta di un grande provvedimento adottato dalla Svizzera", ha affermato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis. Il Consiglio federale, ha aggiunto, "sta facendo questo passo con convinzione, in modo ponderato e inequivocabile".

LA NEUTRALITA' - Da giorni si dibatteva sulla necessità della Svizzera di muovere un passo e di "fermare" il famoso concetto di neutralità che ha reso il piccolo Paese alpino famoso nel mondo. Ora c'è l'ufficialità, dopo un attacco definito da Cassis come "inaccettabile, dal punto di vista del diritto internazionale, politico e morale".

LE SANZIONI - Secondo il ministro delle Finanze Ueli Maurer "non ci sono eccezioni" in merito alle sanzioni, aggiungendo che sarà facile attuarle. In pratica, da oggi i beni delle persone nelle liste dell'UE vengono immediatamente congelati. Inoltre agli stessi non sarà permesso aprire nuovi conti in Svizzera. Questo passo della Svizzera è in qualche modo storico per la Confederazione, che intende partecipare anche all'esclusione della Russia dal sistema finanziario Swift.

LO SPAZIO AEREO - Oltre alle sanzioni, il Consiglio ha anche approvato la chiusura del suo spazio aereo a tutti i voli dalla Russia e a tutti gli aerei russi, partendo da oggi alle 15. Si farà eccezione solo per i voli effettuati per scopi umanitari, medici o diplomatici.

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo