Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

UE-Bielorussia: i deputati appoggiano accordi di riammissione

UE-Bielorussia: i deputati appoggiano accordi di riammissione

Anche le persone che sono entrate nell'UE illegalmente dopo il transito attraverso la Bielorussia devono

di Silvia de Mari

BRUXELLES - In una sessione di voto a distanza, il Comitato per le libertà civili ha approvato l'accordo di riammissione con 54 voti a 13. L'accordo per i visti per soggiorni di breve durata più economici che vengono rilasciati più rapidamente è stato sostenuto da 61 deputati, mentre 6 hanno votato contro.

LA RIAMMISSIONE - In base all'accordo di riammissione, la Bielorussia si impegna a riammettere i propri cittadini che non soddisfano o che non soddisfano più le condizioni in vigore per l'ingresso, la presenza o la residenza nel territorio degli Stati membri dell'UE. Ciò vale anche per le persone in possesso di un permesso di soggiorno o di un visto valido rilasciato dalla Bielorussia e per coloro che sono entrati illegalmente nel territorio dell'UE direttamente dopo aver soggiornato o transitato nel territorio della Bielorussia.

IL VISTO - La tassa di visto generale sia per i bielorussi che per i cittadini dell'UE che viaggiano verso l'altro territorio per un massimo di 90 giorni in un periodo di 180 giorni sarà ridotta a € 35 (alcune categorie di viaggiatori saranno esenti dal pagamento di tasse). Le scadenze per i consolati per gestire le richieste saranno ridotte a 10 giorni di calendario (prorogabili a un massimo di 30 giorni). Alcuni viaggiatori bielorussi, come giornalisti, studenti e membri di delegazioni ufficiali, potranno ricevere visti per ingressi multipli che saranno validi più a lungo e dovranno presentare meno documenti giustificativi per giustificare il loro scopo di viaggio.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati