Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Salute

Un anno di Casa Sollievo Bimbi,  il primo hospice pediatrico della Lombardia

Un anno di Casa Sollievo Bimbi, il primo hospice pediatrico della Lombardia

VIDAS celebra la ricorrenza con #PRESENTE, speciale diretta streaming con operatori, famiglie e volontari insieme a tanti amici del mondo dello spettacolo

di Giordano D'Angelo

MILANO - Casa Sollievo Bimbi di VIDAS, il primo hospice pediatrico in Lombardia e uno tra i pochissimi in Italia, compie un anno. Era il 4 giugno 2019 quando Geku, il primo piccolo paziente, varcò la soglia insieme a mamma, papà e sorella. Da allora sono stati 37 i ricoveri effettuati, in alcuni casi della stessa famiglia, e sarebbero stati di più se l’emergenza Covid-19 negli ultimi tre mesi non avesse imposto di contingentare i nuovi ingressi.

L'ACCOGLIENZA - Casa Sollievo Bimbi, infatti, non solo accoglie i minori malati con le famiglie per accompagnarli con competenza e calore nell’ultimo tratto di vita insieme, ma offre anche ricoveri di sollievo e abilitazione in caso di gravi patologie. Questo per dare un tempo di riposo a quei genitori così provati dall’accudimento dei figli e una guida sicura alle mamme e ai papà che devono acquisire confidenza con complicati strumenti tecnologici indispensabili alla sopravvivenza dei figli.

L'INIZIATIVA - Per celebrare il primo importante compleanno di Casa Sollievo Bimbi giovedì 4 giugno dalle ore 21 VIDAS organizzerà #PRESENTE, una diretta streaming straordinaria sui suoi canali Facebook e Youtube. Un titolo che è anche un grido di battaglia, perché VIDAS c’è sempre e assiste i malati inguaribili e le loro famiglie da quasi 40 anni per garantire loro proprio il diritto al presente, l’unica dimensione temporale in cui è importante esistere, con qualità e dignità, fino alla fine. Tanti gli amici di VIDAS che parteciperanno all’evento, tra gli altri Petra Loreggian, Debora Villa, Ale e Franz, Fabio Volo, Paolo Jannacci, Alberto Fortis insieme al presidente, Ferruccio De Bortoli, al direttore socio-sanitario Giada Lonati, agli operatori, alle famiglie e ai volontari.

IL MODELLO - Casa Sollievo Bimbi rappresenta un modello a livello nazionale perché, oltre a coniugare residenzialità e domiciliarità, si impegna a fare rete con le diverse strutture sanitarie coinvolte nel percorso di cura dei piccoli pazienti garantendo la continuità assistenziale e ponendosi come punto di riferimento per le famiglie.

L'HOSPICE PEDIATRICO - L’hospice pediatrico di VIDAS è un edificio green e a basso impatto, sviluppato su sei piani, in via Ojetti 66 a Milano. Comprende sei mini appartamenti, oltre a un day hospice pediatrico con ambulatori, studi medici, palestra e spazi per attività di svago e gioco. L’equipe che lavora al suo interno è composta da sei infermieri, sei operatori socio-sanitari, un coordinatore infermieristico, un medico responsabile, tre medici, un fisioterapista, uno psicologo, un educatore, un assistente sociale, un logopedista, un dietista. Poi ci sono i volontari.

LA REALIZZAZIONE - VIDAS ha realizzato Casa Sollievo Bimbi interamente con fondi propri grazie al contributo, piccolo o grande, di oltre 20mila donatori. Una struttura che non c’era e che mancava: in Lombardia, infatti, sono circa 1.200 all’anno i minori che necessitano di cure palliative, 30mila in Italia.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati