Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Scienze

Una temperatura corporea che può arrivare anche a 3,3°C. Il record del colibrì

Una temperatura corporea che può arrivare anche a 3,3°C. Il record del colibrì

Viene definita dagli stessi ricercatori una “capacità semplicemente incredibile”

di Stefania Abbondanza

ROMA - I ricercatori sono rimasti estasiati di fronte a questa scoperta, tanto da definirla come una “capacità semplicemente incredibile”. I colibrì delle Ande, infatti, riescono a raggiungere una temperatura corporea da record, che può arrivare fino a 3,3° centigradi, tenendola così anche per varie ore. Si tratta del processo metabolico in termini di cambio di temperatura in rapporto alle dimensioni più elevato mai scoperto nel mondo animale.

IL TASSO METABOLICO - Un record, spiegano i ricercatori, che è dato da un tasso metabolico di questi “piccoli” animali che arriva a essere 77 volte più grande di quello degli esseri umani. Grazie a questa strategia, quindi, gli uccelli sarebbero in grado di sopportare la temperatura esterna senza doversi cibare di continua, così da abbassare la propria temperatura corporea e dunque il proprio metabolismo. Da quanto spiega su Science, dove è stato pubblicato lo studio, Blair Wolf, ecologo dell’Università del Nuovo Messico ad Albuquerque, l’uccello raggiunge una sorta di stato di “torpore” che lo rende praticamente immobile, indifferente agli eventi ambientali, tanto da sembrare morto a chi lo volesse raccogliere. Il record assoluto scoperto durante le esercitazioni appartiene a un esemplare di Metallura phoebe per il quale i ricercatori hanno addirittura registrato una temperatura corporea di 3,26° centigradi, la più bassa temperatura mai individuata in un uccello.

Immagine di repertorio

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati