Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

Uscito in radio e in digitale "Maldafrica", il nuovo signolo di F.U.L.A.

Uscito in radio e in digitale "Maldafrica", il nuovo signolo di F.U.L.A.

Andare alla ricerca della propria storia, del proprio centro vitale attraverso una canzone: questo è l’intento, l’obiettivo che il giovane F.U.L.A.

di Valerio Cruciani

ROMA - Da venerdì 10 aprile è disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “MALDAFRICA” (LaPOP), il nuovo singolo di F.U.L.A.

MALDAFRICA - Andare alla ricerca della propria storia, del proprio centro vitale attraverso una canzone: questo è l’intento, l’obiettivo che il giovane F.U.L.A. vuole perseguire cantando “Maldafrica”, un brano fortemente autobiografico che parla della sofferenza, delle ambizioni e delle speranze di chi migra verso altri posti senza aver mai conosciuto Casa, ma preservando con quest’ultima un legame trascendentale.

IL COMMENTO - «Quando ho scritto “Maldafrica” non volevo parlare di integrazione o questioni politiche. Volevo solo raccontarmi e raccontare casa mia - spiega F.U.L.A. a proposito del suo nuovo singolo - con questo pezzo voglio lanciare un messaggio a chi non riesce a guardare oltre il proprio naso. Dobbiamo essere grati alla vita ogni volta che ci svegliamo, perché c’è sempre chi sta peggio di noi. Nonostante la cruda realtà del posto in cui sono nato, quando ci ritorno è sempre una grandissima emozione. Questa canzone mi ha fatto creare ancora più legame con la mia famiglia, che finora ho potuto vedere solo quattro volte».

IL VIDEOCLIP - Il videoclip di “Maldafrica”, diretto da Megan Stancanelli, è concepito come una poesia di immagini in cui protagonisti sono i membri della famiglia e gli amici dell'artista. Essi rappresentano la Sua Africa ma anche l'Africa di ogni ragazzo costretto a vivere nel ricordo e nei pochi attimi in cui riescono a riunirsi alle proprie origini.

F.U.L.A. - Oumar Sall, in arte F.U.L.A., è un artista italo-senegalese classe '93. Si innamora della musica dopo la scoperta di Youssou N’Dour (il cantante africano più celebre nel mondo, attuale ministro del turismo e della cultura in Senegal). Scocca così la sua passione soprattutto per l’Afro Music, a cui unisce nel 2006 l'esercizio della break dance. Dopo la scomparsa del fratello Malick in una traversata del Mediterraneo verso la Spagna, inizia comporre le sue prime rime, mentre matura in lui il rifiuto di ogni convenzione sociale. Si trasferisce a Piacenza, dove trova nello sport un utile mezzo di integrazione, e nel 2017 si sposta a Milano per dedicarsi interamente alla musica e affinare le sue capacità liriche. Multiformità e Multiculturalismo sono concetti integranti della sua evoluzione umana e musicale: dalle radici della musica africana agli intenti dei vari cultori Blues, Soul, Reggae, Rap, Jazz, Pop, Rock. Il suo nuovo singolo “Maldafrica” (LaPOP) è disponibile in rotazione radiofonica e sulle piattaforme digitali a partire dal prossimo 10 aprile.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati