Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Parlamento Europeo

Vaccini COVID-19: il Parlamento sostiene la rapida autorizzazione di vaccini sicuri

Vaccini COVID-19: il Parlamento sostiene la rapida autorizzazione di vaccini sicuri

Il 23 dicembre è previsto il via libera finale dell'UE per il primo vaccino COVID-19

di Silvia de Mari

BRUXELLES - Una strategia dell'UE per le vaccinazioni COVID-19, che affronta le sfide all'interno e all'esterno dell'UE, è stata discussa mercoledì con il vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas. Il vicepresidente Schinas ha presentato la strategia COVID-19 della Commissione, che si basa sui principi di parità di accesso, convenienza e sicurezza. Ha fatto riferimento alla dichiarazione in plenaria di oggi del presidente della Commissione Ursula von der Leyen, che ha affermato che la Commissione è pronta ad autorizzare formalmente il primo vaccino il 23 dicembre, se l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) darà il via libera il vaccino BioNTech / Pfizer all'inizio del 21 dicembre, come annunciato ieri. Questo approccio consentirà a tutti i 27 Stati membri dell'UE di iniziare la vaccinazione contemporaneamente.

L’APPROCCIO - Molti deputati hanno applaudito l'approccio dell'UE ai vaccini COVID-19 e hanno sottolineato che, sebbene l'autorizzazione debba essere concessa il più rapidamente possibile, la sicurezza è della massima importanza per creare fiducia nei vaccini. È quindi essenziale un processo di autorizzazione molto completo e indipendente, come quello utilizzato nell'UE. In questo contesto, i deputati hanno anche deplorato la disinformazione su questi vaccini che sta circolando sui social network. Diversi deputati hanno ribadito che il processo di approvazione e negoziazione dell'accesso ai vaccini COVID-19 deve essere trasparente. Hanno chiesto quando il Parlamento avrebbe accesso ai contratti con i produttori di vaccini. Il vicepresidente Schinas ha riconosciuto la necessità di trasparenza, ma ha detto che la Commissione è vincolata da clausole di riservatezza, anche sui prezzi. La Commissione sta attualmente negoziando con queste società per poter condividere più ampiamente il contenuto dei contratti.

LA VACCINAZIONE - Il vicepresidente Schinas ha affermato che l'UE ha acquistato dosi più che sufficienti per tutti in Europa e sarà in grado di finanziare un miliardo di dosi di vaccino COVID-19 per i paesi non UE meno sviluppati attraverso COVAX, in modo che nessuno venga lasciato indietro, e perché nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro. Diversi eurodeputati hanno accolto con favore il rifiuto dell'UE del "nazionalismo" dei vaccini in quanto il virus non rispetta i confini. L'approccio alle vaccinazioni deve essere globale, hanno detto, e hanno ribadito che l'UE ha un ruolo guida da svolgere nel facilitare la parità di accesso ai vaccini in tutto il mondo, come affermato nella risoluzione del Parlamento del 25 novembre.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso 30 novembre 2020 10:01

Diego, l’artista che ha fatto male solo a sé stesso

Maradona era (è!) un genio e come tale avrà sempre chi lo denigrerà, ma la verità sta altrove

ROMA - Quando per tutta una vita hai fatto parlare di te – nel bene o nel male – è difficile smettere. Quando sei stato un autentico modello da seguire per quello che riuscivi a...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

2021, sarà l’anno della svolta anti-Covid?

Risultati