Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Verbania, chiude scuola per un positivo al Covid

Verbania, chiude scuola per un positivo al Covid

L’istituto era stato riaperto per i corsi di recupero e gli esami, ora si attende la sanificazione. La preside: “Si riapre il 14. Tutto secondo protocollo”

di Claudio Carassiti

TORINO - Si stupisce la dirigente dell’ISS Cobianchi di Verbania, Vincenza Maselli, per il clamore mediatico che ha portato la decisione di chiudere l’istituto che gestisce a causa di un caso positivo al Covid. La scuola aveva riaperto dal 24 agosto per permettere lo svolgimento delle lezioni di recupero e per gli esami prima della ripresa delle lezioni. Poi, però, la notizia del caso di un positivo al virus e la decisione della chiusura, presa “seguendo il protocollo” spiega la preside.

LA DECISIONE - Un intervento, spiega una nota sul sito della scuola, reso necessario poiché “un utente, entrato recentemente in Istituto, è risultato positivo al virus Covid-19“. Quindi, aggiunge la dirigente, “la riapertura della scuola avverrà quando saranno terminati i lavori di sanificazione e si potrà così garantire l’accesso in totale sicurezza. Tale data verrà comunicata il prima possibile”. Una decisione che ha suscitato un grande clamore mediatico, trattandosi del primo caso dalla riapertura, e che la preside ha commentato così: "Mi stupisce tutto questo clamore mediatico. Non riesco a svolgere il mio lavoro, il telefono continua a squillare. In realtà è tutto nella normalità: stiamo semplicemente applicando il protocollo di sicurezza", spiega. 

IL PROTOCOLLO - Secondo il protocollo, stabilito dal Ministero e pubblicato a inizio agosto, la scuola deve essere sanificata e l’Asl di competenza deve quindi provvedere a fare la ricerca dei contatti della persona positiva, sia che si tratti di uno studente, di un insegnante o di un operatore scolastico. Quindi, secondo le linee guida, tutti i contatti più stretti vengono messi in quarantena per 14 giorni. Spetterà alle Asl di competenza stabilire se, tra i contatti più stretti, rientreranno o meno le classi per intero.

LA RIAPERTURA - Il rispetto delle procedure di contenimento del virus, come sottolineato dalla stessa preside della scuola a Verbania, non farà slittare la riapertura, ancora prevista per il 14 settembre. Il Piemonte, infatti, è una della maggioranza di regioni italiane in cui le scuole riapriranno in quella data, a differenza dell’Alto Adige dove si anticipa al 7, e al Friuli Venezia Giulia e Sardegna che posticipano, rispettivamente, al 16 e al 22.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati