Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Arte e Cultura

“We Kill What We Love”, dieci anni di Hip-Hop internazionale in 150 scatti artistici

“We Kill What We Love”, dieci anni di Hip-Hop internazionale in 150 scatti artistici

Rigano, ispirandosi della tradizione fotografica dei grandi maestri come Janette Beckman o Ricky Powell

di Bianca Franchi

ROMA - S’intitola “We Kill What We Love” il nuovo libro del giornalista e fotografo Andrea Rigano pubblicato in questi giorni da Salad Days Mag Publishing. Una raccolta fotografica che racconta e documenta oltre dieci anni di Hip-Hop nel nostro Paese attraverso 150 immagini d’autore che ritraggono 60 artisti da tutto il mondo.

LE PAGINE - Nelle 140 pagine in bianco e nero sono presenti scatti live e ritratti posati che raccontano non solo il frontrow di artisti come Public Enemy, Cypress Hill, Action Bronson, KRS-One, Slaine, Kurtis Blow, Grandmaster Flash, Guru, Wu-Tang Clan, Mos Def, Evidence e molti altri, ma, anche il behind the scene della vita onstage di un rapper. Rigano, ispirandosi della tradizione fotografica dei grandi maestri come Janette Beckman o Ricky Powell, mette da parte la fotografia "commerciale" per rappresentare nella sua intensità emotiva la parte più "vera": quella della performance in pubblico.

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati