Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Tecnologia

World Backup Day:6 italiani su 10 continuano a perdere dati importanti

World Backup Day:6 italiani su 10 continuano a perdere dati importanti

Kingston Technology indaga le abitudini degli italiani in materia di protezione dei dati

di Silvia de Mari

MILANO - Tutti abbiamo provato, almeno una volta, la sensazione che il nostro smartphone, tablet o computer racchiuda al proprio interno una parte importante della nostra vita. Informazioni e ricordi che potrebbero svanire all’improvviso qualora il device si rompesse, smettesse di funzionare o ci venisse rubato. La soluzione a questo problema, ovviamente, è il backup dei dati, da eseguire correttamente e regolarmente su tutti i dispositivi.

IL WORLD BACKUP DAY - Il 31 marzo si celebra il World Backup Day, ricorrenza simbolica istituita proprio per diffondere la consapevolezza che la protezione dei dati è essenziale. In questa occasione, Kingston Technology Euope, leader mondiale in soluzioni tecnologiche e prodotti storage, ha condotto un sondaggio per analizzare i comportamenti degli italiani in fatto di back up e salvaguardia dei dati.

IN ITALIA - Nel Bel Paese emerge che, pur crescendo la consapevolezza dell’importanza della prevenzione, le persone continuano a incappare in errori e non curanza. Infatti, 6 italiani su 10 hanno dichiarato di avere perso dei dati realmente importanti come informazioni personali, video e foto di amici e famigliari. Il 68% del campione, inoltre, si è almeno una volta pentito di non aver fatto il back up dei dati regolarmente. Sorprende – relativamente – che il 79% degli intervistati afferma di essere addirittura disposto a pagare per recuperare i che i propri dati andati persi.

IL DATO POSITIVO - Il dato positivo è che, con diversa frequenza e aiutato dalle richieste automatiche che arrivano dai dispositivi di nuova generazione, 8 italiani su 10 eseguono per lo meno saltuariamente il back up dei propri dati: in particolare, lo smartphone, fido compagno della quotidianità di tutti noi, è il dispositivo i cui dati si mettono più spesso al sicuro. Guardando invece alla frequenza, il 29% degli intervistati dichiara di eseguire il back up una volta al mese, al pari di altrettanti che lo fanno una volta ogni settimana. Male il 24%, che lo fa solo ogni sei mesi, e un irriducibile 15% che protegge i propri dati una volta all’anno o addirittura mai.

I RISULTATI - Insomma, se la quasi totalità (91%) degli interpellati sembra consapevole del ruolo del backup, nella pratica, per pigrizia, non curanza o incompetenza, in molti ancora sembrano non seguire le best practice.

IL COMMENTO - «La tecnologia ha un ruolo sempre più cruciale nelle nostre vite e, di conseguenza, dati e informazioni sensibili viaggiano e si conservano in quantità sempre maggiore sui nostri device. Episodi spiacevoli come furti, malfunzionamenti hardware, cancellazione più o meno accidentali dei dati stessi, o persino attacchi hacker, sono però all’ordine del giorno», ha dichiarato Stefania Prando, Business Development Manager di Kingston Italia. «È quindi fondamentale eseguire regolarmente il backup dei dispositivi, mettendo i propri dati al sicuro. Per permettere a tutti di farlo, Kingston, leader di mercato per le soluzioni storage e da sempre impegnata nel settore delle memorie, offre sistemi di backup flessibili, veloci e adatti a rispondere alle più diverse esigenze».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Editoriale

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza 13 luglio 2020 10:02

Calcio, dal barcone al pallone: il razzismo a convenienza

Lo straniero, secondo una diffusa mentalità, è da denigrare solo quando è avversario

ROMA - La coerenza, ce ne stiamo accorgendo, non è cosa di questi tempi. Ciò che oggi sosteniamo strenuamente, domani condanniamo in maniera forte e convinta; senza che questa sia...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid-19: siete preoccupati per una possibile seconda ondata del virus in Italia?

Risultati