Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Economia

Xylella, attesa la decisione Ue sul nuovo progetto di contrasto alla diffusione

Xylella, attesa la decisione Ue sul nuovo progetto di contrasto alla diffusione

Si attendono misure meno drastiche rispetto a quelle attuate fin’ora. Oggi e domani si studieranno le nuove regole a Bruxelles

di Giordano D'Angelo

ROMA - Un nuovo progetto per combattere la Xylella fastidiosa, il batterio che sta distruggendo le piante d’ulivo in Italia e non solo. Elaborato nei mesi scorsi, il documento verrà sottoposto all’attenzione del Comitato Fitosanitario permanente insieme ai risultati della consultazione pubblica voluta dalla Commissione Europea e conclusa il 7 luglio.

LA NOVITA’ - Per il sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate, "una grande novità per la commercializzazione è rappresentata dalla modifica che prende in considerazione solo le piante ospiti caratteristiche di ogni area infetta". 

LE MISURE  - Se approvate le nuove misure prevedono un contenimento attraverso l’istituzione di aree delimitate, in cui rinchiudere il batterio cercando di non espanderlo maggiormente. Si vuole abbassare il raggio entro cui andrebbero abbattute le piante se in vicinanza di una infetta da 100 a 50 metri. "Ci siamo battuti molto per la tutela dei vivaisti che hanno subito, loro malgrado, penalizzazioni senza esserne assolutamente artefici", rileva L’Abbate. "Con il nuovo regolamento - aggiunge - ci auguriamo di risolvere finalmente questi aspetti, ivi inclusa l’eliminazione del buffer di 100 metri libero da piante infette per i siti indenni autorizzati in deroga".

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti
data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati