Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Politica

Zaia: «Pronti a richiudere in Veneto se i casi salgono»

Zaia: «Pronti a richiudere in Veneto se i casi salgono»

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nella consueta conferenza stampa sui numeri dell’emergenza coronavirus

di Silvia de Mari

VENEZIA - Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nella consueta conferenza stampa sui numeri dell’emergenza coronavirus, ha detto: «Abbiamo una grande sfida: fare in modo che non ripartano focolai. Invoco sempre – ha continuato – il senso di responsabilità. Molti ragazzi mi segnalano casi isolati di chi ancora non ha capito che la mascherina non e’ un obbligo di legge ma una salvezza. E’ fondamentale. Stiamo lavorando per cercare di fissare due dati sui ricoverati e le terapie intensive. Raggiunto un certo numero si torna a chiudere. Non vorrei che qualcuno si sia fatto l’idea che sia finito. Dobbiamo convivere con il virus. Per non innescare una guerra tra poveri investiamo sulla sicurezza dei cittadini».

IL COMMENTO - Per Zaia, «la mascherina mette in sicurezza la tua salute, quella degli altri e se non la metti avremo ricadute e dovremo riprendere la partita della restrizione. Non siamo convinti che il virus se ne sia andato. Il pericolo e’ reale». «Il lockdown non esiste piu’ ma non e’ colpa dei cittadini. Le strade – ha affermato il governatore veneto – sono piene di camion, furgoni e lavoratori che si spostano. Sono li’ perche’ il governo ha permesso, secondo me bene, l’apertura. Non e’ che fai il decreto e poi dici che in Veneto ci sono macchine in strada perche’ Zaia le ha liberate».

data-ad-format="auto">
Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

data-ad-format="auto">
data-ad-format="auto">

Eventi

Editoriale

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi 10 agosto 2020 10:01

Charles Leclerc, la voglia di non omologarsi

In una società che passa il giorno a condividere sui social network frasi filosofiche e falsi esempi di vita non c'è più spazio per le vie di mezzo

ROMA – Ormai se non ti esponi (ed anche sbandierandolo ai quattro venti) contro qualcosa, sei automaticamente pro; o ci vai quantomeno vicino. Sembra essere questo il leitmotiv che anima le...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Stato di emergenza, il prolungamento è "inevitabile" o si tratta di una "torsione autoritaria"?

Risultati