Shadow

Cronaca Diretta - Accendiamo l'Informazione

Shadow

Cronaca

Basta chat con studenti e genitori! Arriva la nuova regola dai presidi del Lazio

Basta chat con studenti e genitori! Arriva la nuova regola dai presidi del Lazio

Una pratica ormai diffusa per avere un maggiore rapporto con gli studenti potrebbe venire meno

di Alessia Salmoni

ROMA - Bisogna ancora capire come fare, ma dall’associazione nazionale presidi del Lazio arriva una revisione del codice deontologico che parla chiaro: basta gruppi WhatsApp di classe, amicizie Facebook tra studenti e professori, ma anche commenti che ledono le scuole su social network come Instagram o TikTok.

IL COMMENTO - Mario Rusconi, presidente dei presidi di Roma, al Corriere della Sera ha detto: "Vanno evitate le chat con genitori e con studenti, se non per questioni di natura urgentissima comeuna gita che salta all'improvviso. Vorremmo bandire i gruppi WhatsApp in cui i genitori chiedono perché il figlio ha preso 7 invece di 8".

NON AMMINISTRATIVO -  Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi, specifica che queste sono solo indicazioni e non c’è “un valore amministrativo, ma un valore etico e di prevenzione”. Peccato che studenti e professori (soprattutto i più giovani) non sono stati ancora sentiti. Loro che ne pensano?

Scrivi il tuo commentoScrivi il tuo commento

Altre Notizie

Indietro
Avanti

Eventi

Editoriale

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio 5 febbraio 2022 17:15

Serie A, il protagonismo degli arbitri ha messo ko il calcio

Il calcio italiano è finito. Ora mancano solo i titoli di coda

ROMA – Ancora arbitro protagonista in Serie A. Nel corso di Roma-Genoa, valevole per la 24ª giornata del massimo campionato, il signor Rosario Abisso annulla, dopo la consultazione del...

Leggi l'Editoriale Leggi l'Editoriale

Dalle nostre pagine Social

Spazio Pubblicitario

Il Sondaggio

Covid, il 31 marzo è la data giusta per togliere lo stato di emergenza?

Questo sondaggio è chiuso.

  • 54.5 %
  • No 45.5 %
Vai alla pagina dei sondaggiLeggi l'articolo